in

Roma: carabiniere spara ad auto che non si ferma all’alt e ferisce madre e figlia in scooter

Roma scene da far far west in strada qualche ora fa: un’auto non si è ferma all’alt di un posto di blocco, così un carabiniere ha aperto il fuoco ed ha accidentalmente ferito due persone, madre e figlia che in quel momento stavano transitando a bordo di uno scooter. L’agente voleva sparare contro la vettura in fuga colpendo per errore di striscio le donne, madre e figlia, che per fortuna non sarebbero in gravi condizioni. Tuttora ricercato il conducente dell’auto in fuga.

Secondo quanto emerso, i carabinieri avrebbero intimato l’alt a una macchina che non si è fermata e che nella fuga avrebbe tentato di investire un militare. Ecco dunque che quest’ultimo ha aperto il fuoco colpendo per errore le due donne. L’auto è riuscita a dileguarsi e sono in corso le ricerche. Il fatto si è verificato poco dopo le 18 di questa sera in via Federico Ozanam, all’incrocio con la circonvallazione Gianicolense, durante un controllo di polizia giudiziaria in borghese. Madre e figlia ferite hanno 49 e 16 anni, entrambe ferite di striscio alla spalla.

Potrebbe interessarti anche: Renata Rapposelli news: testimonianza farmacista perde consistenza, ecco perché

In attesa che arrivassero i soccorritori del 118, i militari hanno poi seguito le ambulanze in ospedale per sincerarsi delle condizioni delle due donne. Madre e figlia sono ricoverate al San Camillo e non sarebbero in gravi condizioni. In corso la caccia all’auto che è riuscita a scappare facendo perdere le sue tracce. L’allarme è stato diramato a tutte le pattuglie presenti sul territorio: l’area nella quale sono in corso le ricerche è estesa in un ampio raggio che va oltre il quartiere Monteverde. Posti di blocco sono stati disposti in varie zone della Capitale.

marco boni trovato morto

Marco Boni trovato morto: la foto inquietante su Facebook prima di sparire

Eva Henger e gli attacchi di panico dopo la morte dell'ex marito Riccardo Schicchi

Eva Henger contro Alessia Marcuzzi: “Mi ha aggredita”