in ,

Royal Rumble 2018 prediction: chi trionferà nel PPV della WWE?

Nella notte tra domenica e lunedì andrà in onda Royal Rumble 2018, il PPV della WWE che precede di qualche mese la nuova edizione di Wrestlemania. Chi vincerà la mega rissa reale, quest’anno sia nella categoria maschile che soprattutto femminile, avrà l’opportunità di staccare il biglietto per il match titolato a Wrestlemania 34. Non solo una doppia mega rissa reale, a Royal Rumble 2018 saranno messi in palio la maggior parte dei titoli, compresi quello universale e la cintura WWE.

Royal Rumble 2018 prediction: chi sono i favoriti del PPV?

I due grandi favoriti di Royal Rumble 2018 sono Ronda Rousey per il match femminile e Shinsuke Nakamura per il match maschile. Quest’ultimo, infatti, dovrebbe andare al roster blu e se non dovesse essere il wrestler giapponese a prevalere, la vittoria potrebbe andare a Dolph Ziggler. Nel match femminile, invece, il testa a testa è tra l’ex lottatrice della UFC, ormai sotto contratto con la WWE, e Asuka. Le cinture di coppia dovrebbero cambiare vita a Raw, dove Sheamus e Cesaro sono in vantaggio sui campioni in carica. Gli Usos, invece, dovrebbero sconfiggere Chad Gable e Shelton Benjamin.

Nei match per i due titoli più importanti, la vittoria sembra ormai scontata: Brock Lesnar da una parte e Aj Styles dall’altra dovrebbero mantenere non senza problemi la cintura alla propria vita. In seguito, The Beast dovrebbe affrontare Roman Reigns a Wrestlemania, mentre Aj Styles dovrebbe affrontare uno tra Shinsuke Nakamura e Dolph Ziggler.

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

90 Special – che ne sanno i 2000 ospiti 24 gennaio 2018: Paolo Bonolis, Max Pezzali e Gerry Scotti

Striscia la Notizia

Striscia la Notizia Vittorio Brumotti aggredito a Napoli: cosa è successo?