in

Sana Cheema strangolata, il padre reo confesso ritratta: E’ il volere di Allah”, indagate anche madre e zia della vittima

Omicidio Sana Cheema: la 25enne italo-pakistana strangolata dal padre reo confesso ha pagato con la vita l’aver rifiutato il matrimonio combinato che i suoi familiari le avevano imposto. Davanti alle evidenze della autopsia, che ha confermato che alla ragazza è stato rosso l’osso del collo, ieri il padre aveva confessato l’assassinio della figlia. Dal carcere in cui è rinchiuso l’uomo non solo ha ammesso le proprie responsabilità, ma avrebbe anche aggiunto inquietanti particolari alla sua confessione: “Se le cose sono andate così è per il volere di Allah”. E’ di queste ore un’altra indiscrezione sul caso: sono infatti indagate anche la mamma e la zia della ragazza, uccisa il 18 aprile scorso in Pakistan, alla vigilia del suo viaggio di ritorno in Italia. Il padre reo confesso adesso nega il delitto, dunque.
Omicidio Sana: indagate anche la mamma e la zia della ragazza

Per l’omicidio di Sana Cheema, la giovane uccisa in Pakistan prima di rientrare a Brescia dove viveva, sarebbero indagate anche la mamma e la zia. Nei giorni scorsi erano stati arrestati il padre della ragazza, Mustafa Ghulam Cheema, e il fratello Adnan. Secondo il “Giornale di Brescia” il capo della polizia locale, quando ha riferito della confessione del padre, ha comunicato anche che tra gli indagati ci sono le due donne. Il padre presunto killer a poche ore dalla confessione, ha ritrattato quanto dichiarato dalla polizia locale. Intervistato da Repubblica, l’uomo ha negato di aver confessato l’omicidio della figlia: “Non è vero che abbiamo confessato. Se il referto dei medici legali dice che Sana aveva l’osso del collo rotto è perché deve aver battuto la testa contro il bordo del letto o il divano […] e se le cose sono andate così è per il volere di Allah”.

Leggi anche: Sana Cheema padre confessa: “Le ho rotto l’osso del collo” perché voleva sposare un italiano

Secondo le indiscrezioni di queste ore, inoltre, l’uomo avrebbe ammesso che la figlia fosse ormai “più italiana che pachistana”, ma che “nessuno le voleva imporre nulla, solo farle capire che il ragazzo (italiano ndr) che diceva di amare era già promesso sposo di un’altra donna e che non voleva saperne di lei. Mia moglie ha provato a mettere quel ragazzo alle strette: o la sposi o smettete di vedervi, gli aveva detto. E infatti dopo quel colloqui Sana si è convinta a tornare qui al villaggio”.

Pensioni 2018 accredito giugno

Riforma Pensioni 2018, come funziona la quota 100? Così Lega e M5S vogliono superare la Legge Fornero

ultimi sondaggi elettorali lega 8 giugno 2018

Governo news, vertice Lega-M5S oggi: «Convergenze anche su flat tax e conflitto d’interessi»