in

Sara Di Pietrantonio strangolata e data alle fiamme dall’ex: il delitto cela dell’altro? Il giallo della canzone di Ligabue

Omicidio Sara Di Pietrantonio ultime notizie, sentenza d’appello oggi 8 maggio a carico di Vincenzo Paduano, ex fidanzato della vittima condannato in primo grado all’ergastolo. La 22enne romana fu barbaramente assassinata – speronata in auto, strangolata e poi data alle fiamme lungo la via della Magliana  a Roma – la notte del 29 maggio 2016. Paduano, che avrebbe trucidato Sara perché ‘rea’ di averlo lasciato due anni prima, dopo anni di esasperazione e morbosa gelosia che la portarono a decidere di interrompere la loro relazione, non poteva sopportare la fine della loro storia e la stalkerizzò con minacce e messaggi molesti, fino al pedinamento e al barbaro omicidio.

Vincenzo Paduano in aula ammette le sue responsabilità e chiede scusa

L’imputato oggi in aula ha scelto di rilasciare dichiarazioni spontanee; voltandosi a guardare la madre della ragazza uccisa ha detto: “Chiedo scusa a Sara e alla sua famiglia veramente”. Il ragazzo ha poi detto altro, cercando di dimostrare di non ricordare cosa accadde la terribile notte del delitto, per l’accusa frutto di premeditazione: “Vorrei poter dare spiegazioni ma non ho ricordi di quella notte. Non riuscirò mai a riconoscermi nella persona che è stata capace di tanta violenza e di tanto male. Sono certo però che è mia responsabilità. Sarò sempre consapevole di essere l’unica causa di tanto dolore in tante persone. Sarà questa la mia condanna da scontare per sempre oltre a quella di oggi”. Una inaspettata ammissione di colpevolezza, quindi.

Sara Di Pietrantonio uccisa e data alle fiamme dal fidanzato, lui: “Forse sono un mostro”

Omicidio Sara Di Pietrantonio: per la madre non tutta la verità è emersa

Secondo la madre della vittima non tutta la verità su questa terribile vicenda sarebbe emersa dalle indagini e dai processi. Per la donna infatti il gesto di Paduano (dare fuoco alla figlia dopo averla uccisa) sarebbe legato ad un particolare episodio della vita della vittima. Prima che Sara lasciasse Vincenzo, infatti, aveva infatti richiesto al fidanzato di scriverle sul muro della camera il ritornello della canzone di Ligabue dal titolo Piccola stella senza cielo, dove è presente la frase “ti brucerai”. A questo particolare si aggiunge inoltre il fatto chedi lì a poco la ragazza avrebbe interpretato la ‘Regina del fuoco’ in un saggio di danza, dove si sarebbe esibita con due ragazzi  di cui Paduano, che la piantonava anche in palestra durante le prove, sarebbe stato geloso fino all’ossessione. Elementi che potrebbero provare la premeditazione del suo folle gesto omicidiario; premeditazione che la difesa dell’imputato nega e che sta cercando in ogni modo di confutare.

ATAC ROMA AUTOBS ESPLOSO

Roma autobus Atac esplode vicino Montecitorio: forte boato poi il panico

The Voice of Italy 2018 conferenza stampa finale: i coach all’ultimo atto [LIVE-BLOGGING]