di Michela Becciu in ,

Sarah Scazzi: il 14 novembre inizierà il processo d’appello per Sabrina Misseri e sua madre Cosima


 

Il 14 novembre si aprirà il processo d’appello per Sabrina Misseri e sua madre Cosima Serrano, condannate in primo grado all’ergastolo per l’omicidio di Sarah Scazzi

Caso Sara Scazzi processo d'appello

Il 14 novembre inizierà il processo d’appello per l’omicidio di Sarah Scazzi, la 15enne di Avetrana morta per strangolamento nel 2010, per il cui assassinio sono state condannate in primo grado all’ergastolo Sabrina Misseri e sua madre, Cosima Serrano.

La morte della giovane suscitò scalpore e sdegno nell’opinione pubblica, divenendo un caso mediatico che tenne tutti con il fiato sospeso per ben 42 giorni, allorquando il corpo della ragazzina, sparita misteriosamente il 26 agosto 2010, fu ritrovato in un pozzo di contrada Mosca, su ammissione dello zio Michele Misseri, reo confesso di un delitto di cui poi non fu giudicato colpevole. Il contadino, infatti, considerato inattendibile per via delle sue continue contraddizioni, con le sue parziali ammissioni e mal celate verità, portò gli inquirenti ad accusare dell’orribile delitto sua figlia Sabrina, cugina di Sara, che agì, in quello che fu un delitto consumato in famiglia, con la complicità omertosa di sua madre Cosima.

Sabrina, tuttavia, continua a dichiararsi innocente dal carcere. Scrive lettere a sua sorella Valentina e si mostra disperata: “Stare qui dentro è straziante, non so quanto posso reggere ancora, stanno giocando con la mia vita e con il tempo, per loro sono solo un numero” – lamenta la condannata – “la mia innocenza non vogliono proprio sentirla tanto non stanno loro al posto mio”. Ed ora madre e figlia si preparano al ricorso in appello che, salvo colpi di scena, non farà cambiare i loro destini. Le due donne saranno presenti in aula, ma hanno chiesto espressamente di non essere riprese dalle telecamere, le stesse che nei gironi successivi alla sparizione di Sarah, invece, sembravano piacere moltissimo a Sabrina, sempre spigliata davanti all’obiettivo e disponibile nei riguardi della stampa. 

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...