di Michela Becciu in , , , ,

Sarah Scazzi news: processo per Ivano Russo, Michele Misseri e altri 10 imputati



 

Omicidio Sarah Scazzi, ci sarà un nuovo processo: rinviati a giudizio Ivano Russo, Michele Misseri e altre 10 persone. Ecco con quali accuse

Caso Sarh Scazzi nuovo processo

Omicidio Sarah Scazzi, ci sarà un nuovo processo. L’inchiesta bis sul delitto della 15enne di Avetrana (Taranto), uccisa il 26 agosto 2010, è culminata oggi nel rinvio a giudizio di 12 indagati, tra cui Michele Misseri, zio della vittima, e Ivano Russo, il ragazzo conteso tra la povera Sarah e la cugina Sabrina Misseri, condannata all’ergastolo per il delitto anche in secondo grado insieme alla madre, Cosima Serrano.

Gli imputati sono accusati a vario titolo di false attestazioni al pubblico ministero e calunnia. A Michele Misseri viene contestato il reato di autocalunnia, essendosi auto-accusato dell’omicidio della nipote pur sapendo di essere innocente, dichiarando il falso a pm e magistrati senza essere mai creduto. Al banco degli imputati anche Ivano Russo, che per i magistrati sarebbe stato reticente nella fase delle indagini e durante il processo: avrebbe rilasciato false informazioni al pubblico ministero e falsa testimonianza davanti alla Corte d’Assise. Russo avrebbe cercato di sminuire l’intreccio di rapporti sentimentali e sessuali con Sabrina Misseri per coprirla e difenderla, ridimensionando la cotta che Sarah Scazzi si era presa per lui, da cui sarebbe scaturito il movente dell’omicidio.

Leggi anche: Caso Sarah Scazzi news, i segreti di Ivano Russo: ecco perché potrebbe essere processato

Rinviati a giudizio anche la madre di Ivano, Elena Baldari, il fratello Claudio Russo e l’ex fidanzata Antonietta Genovino. Ancora, un altro amico di comitiva, Alessio Pisello, e Maurizio Misseri, nipote di Michele; Anna Lucia Pichierri, moglie di Carmine Misseri; Anna Scredo, cognata del fioraio Giovanni Buccolieri altrimenti detto ‘Il sognatore’, in quanto avrebbe assistito al sequestro di Sarah da parte di Cosima e Sabrina, per poi ritrattare in aula dicendo di avere solo sognato quella scena. L’udienza è fissata per il 3 aprile.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...