in

Sbarco nave Aquarius in Italia: botta e risposta Toninelli – Saviano

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli si esprime in merito alla vicenda della nave Aquarius. “La nostra Centrale Operativa della Guardia Costiera – si legge in una nota stampa – ha scritto reiteratamente all’autorità de La Valletta affinché, per la prima volta dopo molto tempo, Malta fosse messa di fronte alle sue responsabilità. Ed è nostra intenzione che risponda ufficialmente alla nostra richiesta di apertura dei suoi porti per il salvataggio delle centinaia di naufraghi presenti sulla nave Ong Aquarius”. E ancora, il Ministro del Governo Conte ha esortato il governo maltese ad accogliere nei propri porti la nave Aquarius e fornire un primo soccorso ai migranti a bordo, ma conclude affermando: “Noi continueremo a salvare vite umane, altri restano nel torto”.

Leggi anche: Nave Aquarius in Italia, la situazione 

La posizione di Danilo Toninelli

Secondo il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Toninelli Malta non “può continuare a voltarsi dall’altra parte quando si tratta di rispettare precise convenzioni internazionali in materia di salvaguardia della vita umana e di cooperazione tra Stati. Il Mediterraneo è il mare di tutti i Paesi che vi si affacciano e non si può immaginare che l’Italia continui ad affrontare questo fenomeno gigantesco in solitudine”.roberto saviano gomorra

Saviano deluso da Toninelli: “Da Salvini non avevo nessuna speranza”

Su Salvini non avevo alcuna speranza, ma Lei, ministro Toninelli, pensavo fosse – almeno – una brava persona. E voi, donne e uomini che con il vostro voto avete portato il M5S al governo, speravate questo dalla vita? Essere la ruota di scorta di un partito xenofobo? Fate sentire la vostra voce ai capi, ditegli che non era questo orrore che volevate. Lo afferma in un post su Facebook lo scrittore Roberto Saviano.

migranti accordo ue 29 giugno 2018

Sbarco nave Aquarius in Italia, Napoli e Messina aprono i porti: è caos politico

Sbarco nave Aquarius in Italia, la nota del premier Conte