di Redazione

Come scegliere un copywriter


 

Quali sono i vantaggi di un copywriting in outsourcing? E come scegliere un copywriter? Quali caratteristiche deve possedere. Ecco una guida utile per scegliere il copywriter che fa per te

Per ogni PMI arriva un momento in cui non si può più rimandare la decisione di pubblicare dei contenuti, per popolare o ravvivare il blog aziendale, per fare dell’attività social, per dei comunicati stampa, o anche semplicemente per avere dei materiali da presentare nel proprio sito web, nella brocure, nel press kit per i giornalisti e così via. Più o meno lo stesso vale anche per i lavoratori autonomi, come liberi professionisti e freelance.

In quel fatidico momento la prima decisione da prendere è sempre la stessa: “Ce ne occupiamo internamente o deleghiamo il lavoro a una risorsa esterna, un copywriter professionista? Fai-da-te o outsourcing?”

In questo articolo scoprirai in pochi minuti come orientarti in questa scelta e come fare, passo dopo passo, a gestire la realizzazione dei testi che ti servono.

Copywriting fai da te. Vantaggi e svantaggi

Crearsi da sè i testi di cui si ha bisogno comporta un vantaggio: non dover investire tempo a spiegare la natura e i principi cardine dell’attività, in quanto si tratta interamente di informazioni già presenti, disponibili e, nel caso delle PMI, già condivise da tutti i membri dello staff.

Inoltre potrebbe, specie per gli autonomi, esserci un vantaggio in termini di costo. Ma questo in realtà non è così scontato, poiché anche per un libero professionista il proprio tempo ha un costo, e dover improvvisarsi scrittori potrebbe comportare un notevole spreco della risorsa più importante a sua disposizione, che è proprio il tempo.

Per valutare l’idea di produrre i testi in proprio e non avvalersi quindi di un copywriter, la cosa migliore è porsi queste domande:

Hai (sinceramente) le competenze e l’esperienza necessaria a disposizione?
Hai le competenze specifiche per il tipo di testo di cui hai bisogno, come ad esempio la capacità di scrivere per la SEO o per il marketing a risposta diretta?
Hai a disposizione il tempo da dedicare al copywriting?
C’è in te o nel tuo staff la volontà di farlo? È meglio far scrivere le risorse interne piuttosto che impiegarle nelle specialità per cui c’è una formazione più solida e una migliore produttività?
Se a tutte le domande puoi rispondere sì puoi seriamente pensare a un piano editoriale e andare avanti, altrimenti il rischio che correrai sarà quello di avere testi poveri e poco incisivi, spreco di tempo e risorse e, se il tuo obiettivo è di una produzione costante, ad esempio per un blog, la fine inconfessabile (ma ahimè molto diffusa) dei piani editoriali poco amati e poco curati: restano fermi per mesi o persino anni!

Tu non vuoi tutto questo.

Allora, se non hai la certezza di produrre in casa con successo il copywriting di cui hai bisogno, l’outsourcing è la risposta che fa al caso tuo.

I vantaggi del copywriting in outsourcing

Con l’aiuto di un copywriter professionista potrai ottenere:

Testi realizzati con competenza professionale
Capacità ed esperienze specialistiche (ad esempio per la SEO, per la vendita, eccetera…)
Obiettività di una percezione indipendente sulla tua attività
Focalizzazione: il copywriter professionista scriverà meglio e più velocemente
Conseguente risparmio di denaro
Libertà per la tua azienda di fare ciò che sa fare meglio
Maggior capacità di affrontare scadenze urgenti, se i testi di cui hai bisogno ti servono… per ieri
Se ti occupi di comunicazione nel campo dell’informatica o del design, uno o più partner che si occupano del copywriting possono permetterti di espandere la gamma di servizi che offri.

Come trovare il copywriter che fa per te

Hai deciso che il copywriting in outsourcing è la tua strada e vuoi procedere.

Bene, il compito che ti spetta ora è trovare la risorsa esterna giusta per soddisfare al meglio, e nei tempi corretti, il tuo bisogno di testi.

Ci sono molti modi per cercare un professionista come un copywriter, quello che ti consiglio è di usare AddLance, perché ti permette di avere gratuitamente e in poche ore una selezione mirata di contatti (di solito meno di 10) su una comunità di oltre 20.000 professionisti. Accedi quindi al sito di AddLance scrivi il tipo di servizio che ti serve. Per fare prima segui questo link, che ti porta direttamente alla compilazione dell’annuncio per trovare un copywriter.

Ora, la procedura è davvero molto semplice, devi solo compilare il modulo che ti fa inserire tutte le informazioni più importanti per i copywriter, per orientarli a capire se il tuo progetto rientra nelle loro capacità e specialità e, in definitiva, farti ottenere solo risposte da professionisti preparati e motivati per ciò che serve a te.

Le informazioni che servono al copywriter sono essenzialmente queste, fai attenzione a inserirle tutte per avere la miglior corrispondenza tra il tuo bisogno e il professionista che ti aiuterà a soddisfarlo.

Quando usi AddLance la procedura è guidata, fai comunque attenzione a inserire queste informazioni:

Descrivi il contesto e l’attività

Un bravo copywriter è capace di scrivere per diversi tipi di prodotti, servizi, attività e aziende. È anche vero che la maggior parte di loro tendono a specializzarsi in alcune aree, come i servizi tecnologici, i prodotti al conusmo, la sanità, il B2B e così via.
Descrivi la tua attività, il mercato in cui è inserita, il tipo di messaggio che vuoi trasmettere e il pubblico a cui è rivolto. Sono informazioni importanti per il copywriter per capire

Descrivi lo scopo del progetto

Non indicare soltanto cosa ti serve, ma anche perché ti serve. Ad esempio “Abbiamo bisogno di rieditare i testi dell’intero sito per adattarli al restyle in corso d’opera e al nuovo Tone and Manner”, oppure “Vogliamo creare 4 articoli al mese da inserire nel nostro blog, per sensibilizzare il nostro pubblico composto da giovani genitori, alla pulizia dei denti dei loro figli”

Definisci gli obiettivi

Fai sapere al copywriter quali sono i risultati che ti aspetti dal suo lavoro. Ad esempio “Vogliamo fare crescere la consapevolezza del nostro marchio (brand Awareness) e portare più visitatori al nostro sito”, oppure “Vogliamo un blog che non si limiti a fornire informazioni, ma porti il pubblico a  discutere dei benefici del nostro prodotto”.

Definisci il pubblico

Permetti al copywriter di farsi una chiara idea di chi è il destinatario tipo dei testi e dei messaggi che scriverà. Descrivi inoltre il tipo di azione che ti aspetti da loro e/o quale tipo di pensiero e reazione emotiva che vuoi suscitare in loro.

Uso del testo

Spiega in che modo il testo sarà usato. Per esempio, se ti serve un testo per una brochure, dovrà essere formativo/divulgativo oppure più aggressivo e orientato alla vendita?

Tono e maniera

Descrivi l’atmosfera che vuoi creare, l’umore che vuoi instillare. Ad esempio, vuoi che il testo sia più rassicurante o provocatorio? formale o informale? serio o scherzoso?

Come scegliere

Una volta pubblicato l’annuncio comincerai a ricevere le candidature dai vari copywriter che si troveranno in sintonia con il tuo progetto.

Per scegliere quello che fa per te, ti consiglio di considerare questi due aspetti:

Esperienza e credenziali

Valuta il singolo profilo, le esperienze maturate e le eventuali specializzazioni. Se non lo fa spontaneamente, chiedi al candidato se può farti leggere dei testi che ha scritto per attività nel tuo settore.

Attitudine e atteggiamento

Una cosa sono le capacità e le esperienze, un’altra il modo di porsi e di reagire ai tuoi stimoli. Non serve dire che sono importante entrambe. Per capire se siete in sintonia il mio consiglio è di valutare non solo la precisione delle risposte, ma anche la qualità delle domande. Un bravo copywriter vorrà sapere molte cose sulla tua attività e sui tuoi obiettivi.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Correlati

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...