di M.B. Michela in

Scomparsa Maelys news, colloquio in carcere tra sospetto e la madre: ecco cosa le ha detto


 

Scomparsa Maelys news, colloquio in carcere tra sospetto e la madre: ecco cosa le ha detto. Gli ultimi aggiornamenti sul caso della bimba di 9 anni scomparsa in Francia

bimba scomparsa in francia

Scomparsa Maelys ultime notizie: emergono le prime indiscrezioni sul colloquio in carcere fra il 34enne arrestato e la madre. Mercoledì 4 ottobre l’uomo, detenuto ormai ma un mese in isolamento presso la prigione di Saint-Quentin-Fallavier (Auvergne-Rhône-Alpes), ha incontrato la madre, spinta a parlargli dai genitori della bambina, di cui si sono perse misteriosamente le tracce la notte dello scorso 27 agosto, mentre con i familiari partecipava ad una festa di nozze.

news bambina scomparsa in francia

Caso Maelys gli approfondimenti di UrbanPost, leggi: Scomparsa Maelys news 34enne arrestato: inquietanti rivelazioni delle ex fidanzate

I genitori della piccola avevano supplicato la donna di far parlare il figlio, di collaborare con gli inquirenti, sebbene lei continui a ribadire di credere alla sua innocenza. Ebbene, l’incontro madre-fìglio c’è stato e, secondo quanto riportato da Le Dauphiné, sarebbe durato a lungo. Dopo il colloquio la stampa ha intercettato la donna, che ha riferito che Nordahl le avrebbe ripetuto ancora una volta di esse innocente: “Mamma, giuro, ti assicuro, occhi negli occhi”.

—> Scomparsa Maelys ultime notizie, diffuso interrogatorio 34enne arrestato: le sue risposte ai magistrati

La madre del sospetto ha detto di aver fiducia in lui, di credere alle sue parole. “Se fosse colpevole di qualcosa, sarebbe diverso, non poteva mentire a me a quel punto…. Ci siamo baciati, ci siamo abbracciati stretti e siamo stati entrambi felici”. L’indagine continua nel tentativo di far luce su questo caso. I gendarmi  coadiuvati dai cani poliziotto stanno setacciando la zona degli stagni a Domessin, il comune in cui vive la famiglia dell’unico sospettato.

Maelys: Nordahl Lelandais non cede davanti agli inquirenti

Il 34enne sospettato di avere sequestrato la piccola Maelys, dopo il ritrovamento di una traccia di Dna della bambina sul lato passeggero all’interno della sua auto, ha ammesso che Maelys è entrata nella vettura per controllare se vi fossero i suoi due cani, che poco prima l’uomo le avrebbe mostrato in foto sul cellulare, incuriosendola molto. Ma alla domanda degli inquirenti “Hai toccato Maelys?”, lui avrebbe risposto: “Non mi ricordo di averla toccarla, forse aiutandola a uscire dalla macchina perché è un’auto a tre porte, non mi ricordo di averla portata tra le braccia…”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook