di Angelo Faustino Russo in

Sempre meno italiani vanno dal dentista: colpa della crisi


 

Il 30% in meno degli italiani va dal dentista. I più colpiti sono i piccoli studi e i dentisti più anziani. Reggono le cliniche dei denti e gli studi in franchising. Bene anche per i giovani. Richiesta anche nel SSN. Dati negativi per i laboratori odontotecnici.

C’è da premettere che gli italiani sono, da sempre, molto restii a considerare la salute della propria bocca come priorità a cui dedicare una parte del bilancio familiare. Ed in questo, influiscono anche i costi, considerati dai più come eccessivi.

famiglia sorriso

In ogni caso, anche il settore odontoiatrico in questo periodo ha risentito della crisi che sta dilagando in tutto il pianeta. A dirlo è un’indagine condotta da Key-Stone, che ha visto coinvolti ben 3.ooo studi dentisti, ed è stata oggetto di dibattito al Convegno dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica (AIOP) tenutasi a Bologna. In particolare, dal 2007 ad oggi sono 2 milioni e mezzo in meno le persone che hanno usufruito di cure orali, a danno soprattutto di piccoli studi dentistici e dentisti sopra i 50 anni.

Si parla di un 30% in meno, cifra che non è, poi, così negativa, rispetto al crollo dei consumi che sta colpendo il nostro Paese. Come già detto, a risentirne sono state le piccole strutture. Mentre, non manifestano pessimismo gli studi dentistici più grandi e attrezzati (quelli a più poltrone), spesso associati a più medici o organizzati a livello imprenditoriale o, addirittura, in franchising.

caredent studio dentistico franchising

Sembra, infatti, che il popolo degli italiani attenti alla cura dei propri denti (circa il 30%) preferisce le nuove tecnologie e una maggiore professionalità. Tanto che l’indagine ha rilevato una continua crescita nella produzione hi-tech di settore. Dati positivi anche per i giovani dentisti, che vengono, spesso, preferiti per l’implementazione di nuove tecniche più che per l’esperienza acquisita.  A risentirne maggiormente, invece, sono gli odontotecnici, con un negativo e forte calo di produzione registrato in oltre il 70% dei laboratori: ben un terzo di protesi in meno, realizzate nell’ultimo triennio.

Anche i dati forniti dall’Associazione Nazionale Dentisti Italiani (ANDI) non sono positivi. Tra il 2007 e lo scorso anno sono oltre 500 mila le famiglie che hanno mancato l’appuntamento dal dentista, mentre nel settore degli investimenti in attrezzature ortodontiche il caldo è del 15%.

Curiosa, lo abbiamo detto all’inizio, è l’emigrazione verso i grandi centri o le catene di franchising del settore. Ma anche verso il Servizio Sanitario Nazionale che ha visto un incremento sulla richiesta assistenza del 20% in più, registrata addirittura in un solo anno.

Insomma, in tempo di crisi, all’occorrenza si va dal dentista della Asl!

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook