in ,

Serale Amici 2018: le prime assegnazioni ai cantanti dei Blu

Dopo la puntata di sabato scorso, dopo la suddivisione in squadre e l’annuncio degli ultimi giudici esterni del Serale di Amici 2018, i ragazzi del talent di Maria De Filippi sono stati portati nelle rispettive casette. Qui hanno scoperto, divisi in Bianchi e Blu, quale sarebbe stato il nuovo meccanismo per decretare vincitori e vinti, gli ospiti con cui duetteranno, ma anche le prime assegnazioni. I cantanti della Squadra Blu sono sembrati tutti molto felici, tranne Matteo che ha iniziato fin da subito a preoccuparsi per una canzone in particolare e ha ringraziato Rudy Zerbi per averlo messo in grande difficoltà. Cosa hanno detto Biondo, Einar e Carmen invece?

Serale Amici 2018: le canzoni della prima puntata

Biondo, Carmen ed Einar sembrano davvero entusiasti di tutte le canzoni a loro assegnati. Un po’ forse, preoccupati, per la mole di lavoro da fare in settimana, ma comunque felici di mettersi alla prova e di preparare duetti molto importanti. A Biondo sono state assegnate: il suo inedito dal titolo Deja Vu, L’isola che non c’è di Bennato, Una carezza in un pugno di Adriano Celentano e La nuova stella di Broadway di Cesare Cremonini. Su quest’ultima canzone il rapper ha lanciato una frecciatina ad un ex concorrente dicendo che pur non conoscendola la farà sicuramente meglio di Briga. A Carmen sono state assegnate: Tappeto di fragole dei Modà, Trattengo il fiato di Emma Marrone, Rehab di Amy Whinehouse e Ti voglio tanto bene della Nannini.

Serale Amici 2018: le assegnazioni di Matteo ed Einar

A Matteo sono state assegnate per la prima puntata del Serale di Amici 2018, invece, Believer dei Imagine Dragons, Il mare calmo, In this love di Bon Marley e Papaoutai di Stromae. ad Einar, invece: il suo inedito Salutalo da parte mia, Piccola Anima di Ermal Meta, Futura di Dalla e Ciao Pà di Eros Ramazzotti.

 

giallo di giulianova news

Renata Rapposelli news: ancora mistero su cause morte, iniziata comparazione Dna

Morti sul Lavoro in Italia 2012

Lavoro: la strage silenziosa