di M.B. Michela in ,

Serena Mollicone news: c’è una seconda morte legata al delitto di Arce? Nuove indiscrezioni


 

Serena Mollicone news: c’è una seconda morte legata al delitto di Arce? Nuove indiscrezioni. si torna a parlare del testimone chiave dell’inchiesta morto suicida pochi giorni prima di essere risentito dai magistrati

caso arce news omicidio serena mollicone

Omicidio Serena Mollicone ultime notizie: dopo il clamoroso esito della super perizia medico legale che potrebbe finalmente portare, dopo 16 anni, alla verità sul delitto di Arce, parla la figlia del brigadiere dei carabinieri morto suicida nel 2008, poco tempo dopo aver rivelato ai pm che indagavano sul caso di aver visto Serena entrare nella caserma di Arce (Frosinone) il primo giugno 2001, dove secondo le recentissime risultanze investigative, potrebbe essere stata brutalmente picchiata e uccisa.

Maria Tuzi, figlia del brigadiere, ha rilasciato una intervista a Il Messaggero, in queste ore ripresa da varie testate giornalistiche: “Mio padre è stato ricattato, qualcuno gli ha prospettato ritorsioni contro figli e nipoti. Per questo, per anni, ha taciuto sulla morte di Serena” – queste le sue parole – “Quanto emerso dalla consulenza conferma a pieno la tesi sostenuta da anni da Guglielmo Mollicone: che Serena quel giorno si sarebbe recata in caserma – prosegue Maria Tuzi -. Per quanto concerne mio padre, credo che il suo silenzio, durato sette anni, sia stato il frutto di un senso di protezione nei confronti della famiglia. Qualcuno lo ha ricattato, non ho le prove ma è quello che abbiamo portato all’attenzione della Procura che ha riaperto le indagini sulla sua morte”.

Brigadiere Tuzi caso Serena Mollicone

>>> Serena Mollicone news sulla morte: “Picchiata e soffocata con sacchetto” <<<

La super perizia medico legale, predisposta nell’ambito delle nuove indagini seguite alla riesumazione della salma della 18enne uccisa nel 2001, ha infatti stabilito che le lesioni al capo di Serena “sono compatibili” con l’urto su una porta sequestrata proprio in un alloggio della caserma dei carabinieri di Arce cui fece riferimento il testimone morto suicida. La vittima sarebbe stata picchiata con violenza e poi soffocataprobabilmente con un sacchetto intorno alla testa. Una nuova verità che potrebbe finalmente portare alla soluzione del caso che in questi anni ha sempre visto indagati a piede libero l’ex maresciallo dei carabinieri di Arce, Franco Mottola, la moglie e il figlio, che si sono sempre dichiarati estranei ai fatti contestati.

Leggi anche —> Serena Mollicone news: super perizia dà ragione al padre che ora chiede a gran voce “Giustizia!”

Le indagini sul suicidio del brigadiere Santino Tuzi son ancora aperte e ora la figlia si espone, prende una posizione importante in merito asserendo che secondo lei la morte del padre sarebbe collegata all’omicidio di Serena Mollicone. E’ convinta che suo padre sia stato minacciato: “Qualcuno lo ha istigato e gli ha complicato la vita fino al punto di indurlo alla morte. Personalmente leggo il suicidio di mio padre come l’estremo gesto di protezione nei confronti della famiglia. Pochi giorni dopo aver parlato con il pm, avrebbe dovuto confrontarsi nuovamente con la Procura. Non sappiamo cosa è successo ma la sua morte ha evitato ritorsioni”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook