di M.B. Michela in ,

Serena Mollicone news: super perizia dà ragione al padre che ora chiede a gran voce “Giustizia!”


 

Serena Mollicone news: super perizia dà ragione al padre che ora chiede a gran voce “Giustizia!”. Ecco perché la verità dei fatti potrebbe essere finalmente vicina

caso arce news omicidio serena mollicone

Serena Mollicone ultime notizie: il papà della 18enne di Arce (Frosinone) uccisa il 1° giugno 2001 e ritrovata senza vita tre giorni dopo, nel boschetto di Fonte Cupa ad Anitrella, chiede finalmente giustizia. Dopo 16 lunghi anni. Ora che infatti la super perizia medico-legale disposta dal giudice delle nuove indagini gli ha dato ragione, stabilendo che Serena potrebbe essere stata uccisa nella caserma di Arce e poi abbandonata agonizzante nel boschetto dove fu ritrovata senza vita, all’interno della quale vennero riscontrati dei segni ad una porta risultati altamente compatibili con le ferite al capo della vittima, la verità dei fatti sembra davvero vicina.

“Voglio la verità, sta venendo fuori, Serena è stata uccisa in caserma”, dice ora un combattivo Guglielmo Mollicone, padre di Serena, fiducioso chedopo tutti questi anni di lotta per la verità si possa finalmente dare un nome al colpevole dell’omicidio della figlia. Indagati con le ipotesi di omicidio volontario e occultamento di cadavere, l’ex maresciallo dei carabinieri di Arce, Franco Mottola, la moglie e il figlio, che hanno sempre negato ogni addebito.

>>> Serena Mollicone news: ferite alla testa compatibili con porta caserma, possibile svolta da super perizia <<<

Il quadro accusatorio secondo gli inquirenti

Secondo l’accusa Serena Mollicone si sarebbe recata in caserma il primo giugno per denunciare appunto il figlio dell’ex maresciallo dei carabinieri di Arce, Franco Mottola, probabilmente per una questione di droga. Da lì sarebbe uscita morta. La ferita trovata sulla testa e sullo zigomo della vittima, infatti, sarebbe infatti compatibile con la rottura trovata sulla porta di un alloggio nella caserma dove abitavano gli indagati. Ora è una nuova perizia a dirlo.

“La relazione medico-legale è sicuramente un elemento importante, che potrebbe anche rivelarsi decisivo. Aspettiamo di leggerla per capire bene, prima di decidere eventuali altre iniziative”, così il legale della famiglia Mollicone. “Non c’è solo il segno di sfondamento sulla porta, ma ci saranno anche altre cose che ultimamente gli inquirenti hanno trovato, che sono riusciti a sapere da persone che precedentemente non avevano parlato”, ha inoltre precisato il padre di Serena.

 

 

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook