di Alessandra Solmi in ,

Sesto San Giovanni, esplosione in una palazzina: si indaga sulle cause


 

Sesto San Giovanni, esplosione in una palazzina: sei feriti e cause ancora da accertare.

torino si dà fuoco dopo lite con la moglie

Intorno alle 5 di questa mattina, 14 gennaio 2018, all’angolo tra via Villoresi e via Oslavia, a Sesto San Giovanni, si è verificata l’esplosione di una palazzina. I vigili del fuoco stanno indagando sulle cause. I due appartamenti distrutti si trovavano all’ultimo piano dell’edificio. Sarebbero, per ora, solo sei i feriti.

Leggi qui tutte le ultime news 

Sesto San Giovanni, esplosione in una palazzina: i feriti

Due sono i nuclei famigliari coinvolti  dall’esplosione verificatasi nei due appartamenti siti all’ultimo piano della palazzina di Sesto San Giovanni, nel milanese. Dei sei feriti, pertanto, cinque apparterebbero ad un appartamento, mentre solo uno all’altro. Nessuno dei feriti pare essere in gravi condizioni. Una persona di settantatré anni ha riportato ustioni di secondo grado, mentre gli altri cinque, fra cui anche un bambino di nove anni, lievi traumi. I feriti sono stati portati tre al Niguarda e tre al San Raffaele per le varie medicazioni. La deflagrazione ha provocato la caduta di calcinacci, ma per fortuna, in strada, a quell’ora, pare non fossero presenti persone. Le macchine parcheggiate tra via Oslavia e via Villoresi, invece, sono state danneggiate dal materiale edile precipitato dai piani alti della palazzina.

gela donna uccide i figli

Sesto San Giovanni, esplosione in una palazzina: le cause

I pompieri, giunti sul posto insieme alle ambulanze, stanno indagando sulle cause dell’esplosione dei due appartamenti all’ultimo piano della palazzina di Sesto San Giovanni, nel milanese. Le indagini paiono concentrarsi soprattutto su uno dei due appartamenti in cui abitava il settantatreenne che ha riportato ustioni di secondo grado. Le prime ipotesi riguardano una probabile fuga di gas.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook