in

“Sgominato il clan di Santoro”: la prima pagina de Il Giornale

Se mostrarsi ridicoli e risultare lo zimbello della situazione vuol dire vincere, beh.. siamo davvero alla frutta in questo Paese. A destra la stampa in mano alla famiglia Berlusconi, il giorno dopo l’atteso duello in televisione, festeggia l’ipotetico successo di Berlusconi in tv. Tanto da arrivare a titolare, nell’edizione di questa mattina de Il Giornale, “sgominato il clan Santoro” (la copertina nell’immagine che segue)

prima pagina il giornale

Aver tenuto testa alle domande del conduttore e alle affermazioni dei giornalisti in studio significa aver vinto? Fare battute, mettersi in mostra con la stessa ironia del 1994, riservare un colpo gobbo agli autori della trasmissione (senza mantenere gli accordi della vigilia) ed uscire dallo stadio con il solito commento fuori onda: cosa c’è da festeggiare? Cosa ha vinto stavolta Berlusconi?

Secondo i più “frettolosi”, ieri sera Silvio avrebbe recuperato qualche altro punto percentuale nella sua disperata rincorsa al Partito Democratico. Secondo altri, invece, avrebbe guadagnato consensi solo per il fatto di essere ospite in studio, nella casa del “nemico”. In pratica, quelli che dovrebbero essere comportamenti “normali” (in un Paese “normale”)  vengono esaltati con quel senso di trionfalismo a dir poco ridicolo e fuori luogo.

Leggi anche ->Servizio Pubblico, fuori onda di Berlusconi: “Ragazzi, non fatevi infinocchiare” di Gianluca Capiraso
Leggi anche ->Berlusconi a Servizio Pubbico: Italia ingovernabile, cambiare Costituzione di Claudio Di Bona
Leggi anche -> Berlusconi da Santoro: sito di Servizio Pubblico offline, salta la diretta di Gianluca Capiraso
Leggi anche -> Berlusconi a Servizio Pubbico: votare partito unico di Andrea Monaci

Written by Gianluca Capiraso

30 anni, nato ad Avellino e residente a Milano. Esperto di web marketing, innamorato della "Seo", blogger e giornalista pubblicista dal 2000. Attualmente è Seo&Sem Manager in Tonic e Seo&Content Manager in Xool, due giovani e dinamiche web companies in forte crescita. Oltre alla passione per il calcio, ed in particolare per il "suo" Avellino, e per la politica,soprattutto come anti-DeMitiano, dedica il suo tempo alla produzione di contenuti per poi vederli ai primi posti dei risultati di ricerca di Google. #sonosoddisfazioni

Morta Mariangela Melato, lutto per il cinema italiano

Silvio Berlusconi Decadenza da Senatore

Berlusconi contro Santoro (e Travaglio): chi ha vinto?