in

Sherlock Holmes Sfida Julian Assange

Sicuramente avrai sentito parlare di WikiLeaks, l’organizzazione che con il suo sito distribuisce documenti secretati (segreto di stato, militare, industriale, etc) e di uno dei suoi promotori più famosi, Julian Assange, giornalista australiano accusato di spionaggio dagli Stati Uniti e arrestato per reati sessuali.

Il regista Bill Condon (Twilight Breaking Dawn) ha in programma di girare un film sulla vita di questo personaggio, visto da alcuni come un eroe, da altri solo come un criminale. Quindi una figura controversa, il cui volto sullo schermo sarà quello di Benedict Cumberbatch.

L’attore britannico è noto da noi per il suo ruolo di protagonista nell’acclamata seria della BBC Sherlock, un riadattamento in chiave moderna e molto ben riuscito delle avventure del detective Sherlock Holmes, partorito dalla penna di Arthur COnan Doyle.
Cumberbatch, che vedremo al cinema anche nel sequel di Star Trek di J.J. Abrams,  è particolarmente adatto a questo ruolo, visto che sembra a suo agio nel rappresentare uomini complicati.
Abbiamo affiancato le immagini di Assange (presa da Wikipedia) e di Cumberbatch (da EW.com) e anche fisicamente c’è una certa somiglianza, resa completa dai capelli bianchi.

assange-cumberbatch

La pellicola per il momento si intitola The Fifth Estate e annovera nel cast l’attore tedesco Daniel Brühl nel ruolo dell’ex braccio destro di Assange, Daniel Domscheit-Berg, poi Laura Linney, Peter Capaldi (In the loop), Anthony Mackie, David Thewlis e Carice van Houten (Game of Thrones).

La DreamWorks, che produce il film, ha confermato che la data di rilascio sarà per questo autunno, negli USA il 15 novembre, in concorrenza con altre pellicole come Ender’s Game e Thor: The Dark World.
Lo script è dello sceneggiatore Josh Singer, noto agli appassionati di serie tv per aver scritto diversi episodi di Fringe, Supernatural, Lie to me.
Nella storia Assange viene raccontato come un uomo idealista che diventa corrotto dal potere, un approccio assai più interessante di una semplice presa di posizione su questa figura controversa.

Per scrivere la sceneggiatura Singer ha attinto principalmente a due fonti, il libro “WikiLeaks: Inside Julian Assange’s War On Secrecy” dei giornalisti David Leigh e Luke Harding e “Inside WikiLeaks: My Time With Julian Assange at the World’s Most Dangerous Website”, scritto da Domscheit-Berg, che fece amicizia con Assange nel 2007 e divenne portavoce di WikiLeaks per lasciare poi l’organizzazione nel 2010.

Written by Federico Elboni

Laureato in Lettere Moderne presso l'Università degli Studi di Pisa, appassionato di tecnologia (del mondo Apple in particolare), letteratura, psicologia e fotografia, amante del cinema e operatore cinematografico da anni, prima dell'avvento del digitale.
Su Urban Post si occupa di Cinema.
Lavora come project e content manager.

Incontro segreto tra Berlusconi e l’ex moglie Veronica Lario

Cocaina

Bali, donna inglese condannata a morte per traffico di cocaina