di Antonio Paviglianiti in

Come si manifesta la meningite



 

Come si manifesta la meningite? Quali sono i sintomi da non sottovalutare? Ecco tutto quello che c’è da sapere sul virus più “chiacchierato” di questo inizio 2017

meningite nuovo caso napoli

Come si manifesta la meningite: ecco cosa sapere

Oggi l’ultimo caso di meningite di questa prima settimana 2017. Gli esperti continuano a sottolineare come non ci sia alcun allarme e che si trattino di numeri in piena media con i casi delle passate stagioni. Intanto, però, sempre più persone sono alla ricerca del vaccino anti-meningite e in determinate Regioni, come Toscana e Calabria, l’eccessiva richiesta sta portando al collasso della disponibilità delle strutture sanitarie. Ma come si manifesta la meningite? Ecco cosa dobbiamo sapere.

—> VACCINO MENINGITE: ECCO COSA SAPERE 

Come si manifesta la meningite? Ecco i sintomi da non sottovalutare

Quali sono i sintomi da non sottovalutare quando si manifesta la Meningite? I sintomi principali della meningite sono febbre, nausea, vomito e irritazione delle membrane che il ‘malato’ avverte come una forma di rigidezza dei muscoli nucali. La meningite, inoltre, presenta dei segni “collaterali” come diminuzione dello stato di coscienza, con senso di torpore, battito cardiaco rallentato ed episodi convulsivi.

Come riconoscere la Meningite B e C in un neonato? In un bimbo molto piccolo la diagnosi è particolarmente difficile anche perché non sempre c’è febbre. Segni della malattia possono essere la fissità dello sguardo, il torpore, il rifiuto del cibo, la comparsa di macchie di color rosso scuro sulla pelle e poi il fatto che il piccolo getti la testa all’indietro e inarchi la schiena.

meningite sintomi, meningite sintomi iniziali, meningite sintomi iniziali bambini, meningite bambini, meningite come riconoscerla,

Come si manifesta la meningite: la diagnosi

Come viene riconosciuta la meningite? La diagnosi si effettua prelevando una piccola quantità di liquido cerebrospinale prelevato mediante puntura lombare. Questa manovra non comporta rischi per il paziente. La natura, e la conseguente gravità, dell’infezione può essere stabilita identificando la natura e la quantità dei microrganismi patogeni.

  • Se la meningite è di origine virale, i pazienti sono gravemente malati per alcuni giorni senza perdere conoscenza e ristabiliscono entro una settimana.
  • Se gli organismi patogeni sono di origine tubercolare, la guarigione richiede un tempo notevolmente più lungo. Inizialmente, i sintomi si limitano a malessere generale, mal di capo e irrequietezza; vengono colpiti anche alcuni nervi craniali.

—> TUTTO SUL MONDO DEL BENESSERE

Come si manifesta la meningite: è possibile fare prevenzione?

Meningite prevenzione. Quando si viene colpiti dall’infiammazione delle meningi viene seguita una specifica terapia: si tratta della somministrazione di liquidi per via endovenosa, siano essi antibiotici ed altri farmaci eventualmente necessari e viene eseguita in ospedale.

Anzitutto, qual è il batterio più pericoloso che si può contrarre. Si tratta del Neisseria meningitidis (meningococco), oltre a Streptococcus pneumoniae (pneumococco) e Haemophilus influenzae. Del meningococco esistono diversi sierogruppi: A, B, C, Y, W135, X.

Qual è il più pericoloso? Il più aggressivo è il meningococco di sierogruppo C, che insieme al B è anche il più frequente in Italia e in Europa. Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, nel 2015 si sono verificati in Italia quasi 200 casi di meningite da meningococco, la maggior parte dei quali causati dai sierogrupppi B e C.

Come si manifesta la meningite: il vaccino

Meningite vaccino: anche gli adolescenti devono fare il richiamo. È assolutamente consigliabile vaccinare gli adolescenti contro il meningococco C, o ancor meglio con il vaccino tetravalente. Per chi è stato vaccinato da bambino al momento non è previsto alcun richiamo in adolescenza, ma è comunque consigliabile effettuarlo (a pagamento). In Toscana il richiamo è gratuito.

La vaccinazione negli adulti non è raccomandata a meno che non siano presenti fattori di rischio o particolari malattie. Chi vuole può comunque ricorrere alla vaccinazione, a pagamento (tranne in Toscana, dove è gratuita), rivolgendosi alla Asl o facendosi prescrivere il vaccino dal proprio medico di base.

Il costo del vaccino per la Meningite varia da Regione a Regione e, in media, arriva ad avere un prezzo pari a 40 euro. 

* Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook