in

Sicilia, Crocetta contro gli Usa per il Mous: “Non siamo colonia americana”

La battaglia Pio La Torre la perse. Il movimento pacifista che però l’allora il segretario del PCI guidò fece storia e lasciò traccia sull’isola.
Rosario Crocetta oggi in una conferenza stampa spiega le motivazioni che hanno portato il governo siciliano a fare ciò che è in suo potere per impedire che le antenne satellitari americane siano installate nella base militare di Niscemi.

“Per noi, per il Governo Siciliano, le autorizzazioni del Muos sono carta straccia. Questo non vuol dire che non si potranno mai dare in futuro, ma prima deve essere tutto in regola e i pareri sull’assenza di effetti nocivi per la salute devono essere inequivocabili. Gli Stati Uniti non possono continuare con il silenzio e con la supponenza. Devono avere rispetto. Noi non siamo una colonia!”

Ed ha concluso aggiungendo: “Anche la posizione del governo nazionale è sbagliata. Usa e Roma non facciano i prepotenti.
Per gli abitanti di Niscemi si mette in pericolo la salute, studi in tal senso lo comproverebbero. Per Rosario Crocetta la salute dei cittadini viene prima di ogni altra opportunità.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Scarpinato nuovo PG di Palermo

Roberto Scarpinato è il nuovo Procuratore Generale di Palermo

Sondaggi, Berlusconi: “Tra noi e la sinistra c’è solo un 2%”