in

Sigaretta Elettronica, bufala montata dalle multinazionali del tabacco?

A far riflettere è soprattutto la tempistica con la quale sono pervenuti – sempre in maggior numero – i pareri negativi da parte delle varie commissione mediche che hanno valutato questo nuovo prodotto in commercio. Opinioni e giudizi decisamente tardivi, a giudicare dall’incredibile (e forse inatteso) boom fatto registrare dalla sigaretta elettronica in Italia. Un boom forse senza eguali negli ultimi venti-trent’anni nel panorama del commercio al dettaglio nel nostro Paese.

Migliaia di nuovi negozi, comparsi qua e là in tutta Italia, migliaia di nuovi posti di lavoro ed una visibilità impressionante, sia nelle strade delle città e dei paesi che in televisione (con tanto di spot pubblicitario in prima serata di Jerry Scotti).

negozi sigarette elettroniche

E’ lecito chiedersi come mai chi doveva vigilare è rimasto in silenzio, mentre in Italia si assisteva al dilagare di nuove aperture ed al lancio di grandi catene, con i fumatori italiani lasciati al loro destino. Si chiedevano se questa sigaretta elettronica facesse male, fosse nociva o se in qualche modo potesse alleviare, se non addirittura eliminare, la dipendenza da nicotina. Domande ed interrogativi puntualmente caduti nel vuoto.

Si alimentano, così facendo, dubbi e sospetti (magari, con un po’ di malizia, sulle multinazionali del tabacco), visto che solo oggi, a distanza di mesi di quest’exploit, gli organi competenti si ricordano che probabilmente questo “strumento” non porta alcuno beneficio al fumatore. Anzi, sarebbe addirittura pericolosa… Dirlo prima, no?

Leggi anche -> La sigaretta elettronica fa male o no? “E’ pericolosa”
Leggi anche -> Sigaretta elettronica, è boom in Italia: ma fa male?

Written by Gianluca Capiraso

30 anni, nato ad Avellino e residente a Milano. Esperto di web marketing, innamorato della "Seo", blogger e giornalista pubblicista dal 2000. Attualmente è Seo&Sem Manager in Tonic e Seo&Content Manager in Xool, due giovani e dinamiche web companies in forte crescita. Oltre alla passione per il calcio, ed in particolare per il "suo" Avellino, e per la politica,soprattutto come anti-DeMitiano, dedica il suo tempo alla produzione di contenuti per poi vederli ai primi posti dei risultati di ricerca di Google. #sonosoddisfazioni

Debito Pubblico Supera il 126% del PIL e il Tesoro Vende Titoli di Stato

Polizia Postale Cyber Crimini Expo 2015

Hacker Expo 2015: Vigila la Polizia Postale