in , ,

Smartphone con App spia regalato alla fidanzata: arrestato e condannato a sette anni

Un giovane 22enne di Jaén, in Andalusia, è stato arrestato e condannato a sette anni di carcere per aver regalato alla propria fidanzata uno smartphone dentro il quale era presente un’App spia. Non si trattava, dunque, di un pensiero senza secondi fini, ma di una tattica per venire a conoscenza di tutti i messaggi e le chiamate effettuate dalla sua dolce metà.

->SEGUICI ANCHE SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK UFFICIALE: URBAN TECH

Il giovane innamorato aveva regalato alla fidanzata uno smartphone, ma all’interno si era premunito di inserire un’App spia capace di monitorare ogni movimento, spostamento, percorso, messaggio, e-mail, foto e chiamata effettuata dalla povera malcapitata. La polizia lo ha così accusato di violazione della privacy, vessazione e coercizione ingiustificata, accuse molto pesanti con le quali è stato subito condannato a ben sette anni di reclusione. La coppia si era conosciuta e aveva iniziato la frequentazione nel mese di ottobre 2014.

Tutto sembrava procedere come da copione, ma nel luglio del 2015 la fidanzata si è accorta che qualcosa non andava: la sua vita e il suo telefono erano morbosamente controllati. Così ha deciso di lasciarlo, ma quando lo ha fatto, lui ha minacciato di suicidarsi. Secondo l’accusa, il ragazzo di 22 anni è stato giudicato geloso, manipolatore e possessivo. Per questi motivi la Procura ha deciso di emanare anche un atto restrittivo: d’ora in poi non gli sarà consentito comunicare l’ex ragazza e dovrà mantenere una distanza fisica di almeno 500 metri per otto anni e mezzo.

laetitia casta nozze segrete foto

Laetitia Casta matrimonio: nozze segrete con l’attore francese Louis Garrell, le foto esclusiva

Diretta Atletico Madrid-Real Madrid dove vedere in tv e streaming

Cristiano Ronaldo accusato di frode fiscale: non avrebbe pagato imposte per 14,7 milioni