di Antonio Paviglianiti in ,

Sondaggi elettorali oggi: elezioni politiche 2017, Matteo Renzi nuovo partito: cosa voterebbero gli italiani


 

Matteo Renzi in un nuovo partito, uscendo dal PD? Secondo i sondaggi e le intenzioni di voto degli italiani l’attuale segretario del Partito Democratico potrebbe decidere di uscire dal suo attuale schieramento politico. Converrebbe? Ecco cosa dicono le indagini commissionate da Porta a Porta

rferendum matteo renzi lettera italiani all'estero

Sondaggi elettorali oggi: Matteo Renzi nuovo partito, cosa voterebbero gli italiani

Nei giorni scorsi, come potrete leggere più sotto, abbiamo raccolto i principali sondaggi elettorali per testare la volontà dei cittadini italiani per le eventuali elezioni politiche 2017. Nella serata di ieri, Bruno Vespa, a Porta a Porta, ha reso noto il risultato di un sondaggio commissionato dal programma di punta del Primo Canale Rai. Da questo sondaggio è emerso che, secondo le intenzioni degli italiani, Matteo Renzi potrebbe fondare un suo partito personale: secondo questi dati, infatti, avrebbe il 21%. La vittoria dell’attuale segretario PD farebbe sprofondare proprio il Partito Democratico al 12%, evidenziando come l’attuale 33% sia per la maggiore merito di Matteo Renzi. 

—-> TUTTO SUL MONDO DELLA POLITICA ITALIANA

Matteo Renzi nuovo Partito: verrebbe eletto?

Dopo le dimissioni di Matteo Renzi da Presidente del Consiglio, si è molto parlato della possibilità di vedere Renzi fuori dal Partito Democratico. Per questo, nel sondaggio sviluppato da Istituto Piepoli, ci si è chiesto se Matteo Renzi, in un partito solitario, avesse o meno l’appoggio dei cittadini. Il 33% ha detto sì, contro il 58% di no.

Gli elettori di sinistra/centro sinistra hanno dato una preferenza del 57%, mentre quelli di destra, centro-dx del 15%.

Sondaggi elettorali oggi: intenzioni di voto a dicembre 2016

L’ultimo sondaggio sulle intenzioni di voto degli italiani per la Camera dei Deputati è stato realizzato da Istituto Piepoli e realizzato il 5 dicembre 2016, all’indomani del risultato referendario che ha sancito la sconfitta di Matteo Renzi. Sono stati intervistati 350 campioni con la metodologia CATI e 155 con metodologia CAWI per un totale di 505 interviste complete;

  1. PARTITO DEMOCRATICO 32%
  2. SINISTRA ITALIANA 3%
  3. LEGA NORD 11%
  4. FORZA ITALIA 11%
  5. RTELLI DI ITALIA 5%
  6. NCD 3%
  7. ALTRI DI CD 1,5%
  8. MOVIMENTO 5 STELLE 27%
  9. ALTRI PARTITI 3%

Chi dovrebbe essere il nuovo Presidente del Consiglio? Prima della nomina di Gentiloni, gli intervistati dal sondaggio realizzato dall’Istituto Piepoli avrebbero voluto Pietro Grasso in qualità di Premier. Una scelta equivalente al ‘traghettamento’ a nuovo esecutivo.

  1. Pietro Grasso 16%
  2. Pier Carlo Padoan 16%
  3. Matteo Renzi 14%
  4. Matteo Salvini 11%
  5. Luigi DI Maio 11%
  6. Silvio Berlusconi 7%

Nuovo Governo Gentiloni: i sondaggi chiedono nuove elezioni

Nonostante il Nuovo Governo Gentiloni, dal sondaggio pubblicato giorno 7 dicembre 2016 è emersa l’intenzione dei cittadini di andare a nuove elezioni (55%). Staccato, al 34%, il continuum fino al 2018, come sta avvenendo adesso.

Sondaggio oggi fiducia nei leader: sale Matteo Renzi

Come cresce la fiducia nei leader dopo la Crisi di Governo? Paradossalmente cresce ancora il dato relativo a Matteo Renzi: il segretario del PD conquista un +2% rispetto ai sondaggi precedenti. Vediamo nel dettaglio come vanno le preferenze degli elettori:

  1. Sergio Mattarella 60% (+1%)
  2. Matteo Renzi 38% (+2%)
  3. Luigi DI Maio 32% (-1%)
  4. Beppe Grillo 24% (-3%)
  5. Matteo Salvini 22% (=)
  6. Silvio Berlusconi 16% (+2%)

Sondaggi elettorali oggi: intenzioni di voto a novembre 2016

Chi vincerebbe se si votasse per le elezioni politiche adesso? Sono in molti a domandarselo in queste ore, dopo la sconfitta di Matteo Renzi nel Referendum costituzionale. Altri sondaggi elettorali ufficiali sono stati pubblicati  prima della consultazione referendaria, quindi a fine novembre 2016. Ad esempio, la rilevazione di EMG per LA7, pubblicata il 30 novembre, vedeva ancora in testa il Partito Democratico.

Ecco le intenzioni di voto nel sondaggio diffuso dal TG di Enrico Mentana:

  • Partito Democratico: 31.0%
  • Movimento Cinque Stelle: 29.9%
  • Lega Nord: 13.1%
  • Forza Italia: 11.0%
  • Fratelli d’Italia – An: 4.2%
  • Sinistra Italiana: 3.5%
  • Ncd + Udc (Ap): 3.5%
  • Altro partito: 3.8%
  • Scheda bianca: 2.4%
  • Indecisi: 18.9%
  • Astensione: 36.2%

Un sondaggio di dieci giorni più vecchio realizzato da Bidimedia, risalente al 21 novembre 2016, rilevava ancora una volta il primato del Partito Democratico con un distacco ben più ampio dal Movimento 5 Stelle pari ad oltre 5 punti percentuali.

  • Partito Democratico: 32,70%
  • Sinistra Italiana: 4,20%
  • Forza Italia: 13,40%
  • NCD-UDC: 3,10%
  • Lega Nord: 11,10%
  • Fratelli D’Italia: 3,10%
  • Movimento 5 Stelle: 27,00%
  • SVP: 0,50%
  • Verdi: 0,80%
  • Rifondazione Comunista: 1,00%
  • Altri di Centrosinistra: 1,20%
  • Altri di Centrodestra: 1,00%
  • Altro partito: 0,90%

nuovo governo papabili premier

Sondaggi elettorali oggi: elezioni politiche 2017, intenzioni di voto dopo il referendum

I risultati, mostrati a urne chiuse da Enrico Mentana nel corso della maratona referendaria in tv, confermano il primato del Partito Democratico che tuttavia è incalzato sempre più da vicino dal Movimento 5 Stelle. Questi i dati completi del sondaggio:

  • PD: 30,9%
  • M5S: 30%
  • Lega Nord: 12,9%
  • Forza Italia: 11,4%
  • Fratelli d’Italia: 4,4%
  • Alleanza Popolare 3,7%

Nello stesso sondaggio è stato mostrato l’esito di un eventuale ballottaggio al secondo turno elettorale. Il Movimento 5 Stelle uscirebbe vincitore delle elezioni 52,6% a 47,4% contro il PD, mentre se opposto al Centrodestra si affermerebbe 57,7% a 42,3% . In caso di ballottaggio tra PD e Centrodestra i democratici la spunterebbero con il 54,4% dei voti, contro il 45,5% di un eventuale raggruppamento Fi-Lega-FDI.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

Parliamo di...