di Gianluca Sepe in ,

Special Olympics: a Timothy Shriver il Premio Mecenate dello Sport 2017


 

Al Presidente mondiale di Special Olympics Timothy Shriver il Premio Mecenate dello Sport

“Il premio Mecenate dello Sport va a tutti gli atleti Special Olympics che ogni giorno sfidano il peggior male del nostro tempo: la discriminazione. Scendiamo in campo e giochiamo unificato. Il futuro è questo” lo ha detto Timothy Shriver, Presidente Mondiale di Special Olympics, figlio della fondatrice del Movimento, Eunice Kennedy Shriver, nella mattinata di ieri, in occasione della consegna del Premio Mecenate dello Sport presso il Salone d’Onore del CONI dove è stato presentato l’evento “Change the Game” alla presenza del Presidente Giovanni Malagò.

Ha aggiunto Tim Shriver: “Non sono qui per ritirare il premio da solo, per questo motivo vorrei che tutti gli atleti Special Olympics presenti in questa sala salissero sul palco. Questi atleti non si alzano in piedi solo oggi, sono fieri e in piedi ogni giorno, in un’epoca permeata dalla discriminazione e dai conflitti. Questi atleti hanno sfidato le loro paure ed ansie, si sono riversati sui campi da gioco ed hanno affrontato a testa alta le loro paure e questi tempi, così difficili. Oggi non celebriamo solo quello che è accaduto, ma quello che avverrà in futuro. Vi chiederete se anche le persone con disabilità possano rendere migliore il nostro futuro: sì, questo è possibile, così che lo sport possa colmare un vuoto che deriva da questi problemi. Ed è altrettanto possibile che lo sport unificato possa guarire le ferite e creare un futuro migliore. La nostra risposta è che nient’altro possa farlo”.

“Queste pareti del salone d’onore del CONI – ha concluso Shriver – raccontano storie di grandi atleti, fanno la storia dello sport. Vedo però anche delle pareti bianche e mi auguro che presto siano riempite con altre storie di uomini, di donne, di persone con disabilità, di atleti Special Olympics”.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanCalcio

Leggi anche

Commenta via Facebook