di Cristin Cappelletti in , ,

Start up Italia: Bestart up, il sito che offre analisi gratuite alle nuove start up


 

Ecco il sito che intervista le vostre start up, fornendo un’analisi gratuita. Vi basterà registrarvi al sito ed avere un profilo ad hoc dove poter condividere idee, eventi e proporre collaborazioni.

start up Bestartup

Pensate che la vostra idea di start up sia quella vincente ma avete ancora qualche perplessità. Vorreste diffondere la vostra idea ma non sapete proprio da dove cominciare? Nessun problema, ci pensa Bestartup, il sito italiano che analizza le nuove start up e le supporta nel loro percorso.

Bestartup, nato a Gennaio, fornisce aiuto alle nuove start up attraverso la loro analisi. Basta inviare una mail con le informazioni richieste e nel giro di poco tempo l’articolo sulla vostra start up sarà online. Verrà creato un profilo ad hoc che permetterà ai fautori di condividere progressi, eventi, inserire informazioni di dettaglio e molto altro.  Tutti gli articoli verranno pubblicizzati attraverso newsletters e i canali social collegati. Le analisi sono divise in sezioni chiave: goal, analisi, team, posizione aperte e l’area contattaci. É inoltre possibile per gli iscritti al sito di scommettere sul successo del progetto.

Le startup analizzate sono inoltre divise per categoria, il che permetterà al lettore di individuarle più facilmente: per settore prevalente, per tipologia e per prodotto trattato.

Bestartup si avvale inoltre dell’aiuto di partner esterni per la consulenza alle giovani start up. Dal servizio di start up management, al supporto per brevetti sino all’assistenza virtuale e al contributo per la comunicazione e la visibilità sul web.

Una vera novità dunque per i neofiti del mondo delle start up. Se pensate che questo sia il servizio che possa fare per voi vi basterà mandare una email a hello(@)bestartup.it ed in poco tempo il vostro progetto potrebbe rapidamente diffondersi a tempi di record sul web.

 

 

 

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

wickedin lavoro