di Sabina Schiavon in , ,

Startup innovative, My Cooking Box: ecco il souvenir gastronomico 2.0 [Intervista]


 

My Cooking Box, ecco il souvenir gastronomico 2.0: con Chiara Rota torniamo a parlare di storie di startup innovative italiane

startup italiane my cooking box

Quest’oggi torniamo a parlare di startup innovative con Chiara Rota, fondatrice di My Cooking Box. Si tratta di un cofanetto dedicato a tutti coloro che vogliono dilettarsi nella preparazione di alcuni dei piatti più tradizionali della cucina italiana: in particolare, My Cooking Box è pensato per essere un souvenir gastronomico “evoluto”.

Tra le startup innovative italiane, My Cooking Box è sicuramente una di quelle che coniuga al meglio innovazione e tradizione italiana. Il cofanetto contiene infatti tutti gli ingredienti – condimenti inclusi – per realizzare un piatto tipico del territorio italiano, tutto dosato al punto giusto affinché nulla vada sprecato. Essendo pensato anche per i turisti, la spiegazione per la realizzazione della ricetta e la descrizione della provenienza degli ingredienti utilizzati sono in doppia lingua, italiano e inglese. Ma com’è nata l’idea di My Cooking Box? Ecco cosa ci ha raccontato Chiara Rota, la sua fondatrice…

Buongiorno Chiara, grazie e benvenuta su UrbanPost! Una piccola presentazione per i nostri lettori: qual è la sua storia imprenditoriale?

“Posso dire che la mia storia di giovane imprenditrice sta iniziando proprio ora, o meglio, è iniziata un paio di anni fa quando è nata l’idea di My Cooking Box. Fino al 2015, grazie alla laurea in ingegneria gestionale, ho avuto esperienze in supply chain e operations nell’azienda di famiglia e in realtà dal respiro internazionale. Ma la passione per la cucina mi ha sempre accompagnata!”

Com’è nata l’idea di My Cooking Box?

“L’idea nasce nel 2015, quando, in pieno clima Expo, viene presentata ad un tavolo tematico per future donne imprenditrici. Un’idea risultata fin da subito vincente, tanto che viene accolta, nel febbraio 2015, dall’acceleratore d’impresa SpeedMiUp dell’Università Bocconi e Camera di Commercio di Milano. Un mese dopo viene depositato il marchio My Cooking Box e costituita Ricetta Italiana Srl, una società a responsabilità limitata che vede la partecipazione di tre soci. My Cooking Box nasce da un un’idea semplice quanto intuitiva, che parte da una considerazione sul processo di acquisto: il consumatore ha l’abitudine ad acquistare per prodotto e, spesso e volentieri, si ritrova con la dispensa piena ma senza quell’ultimo ingrediente necessario per realizzare il piatto preferito. Quindi, perché non cambiare questo processo e indurre il consumatore ad acquistare per ricetta? La riduzione di tempo e di spreco è assicurata e My Cooking Box assolve proprio questa esigenza. Altra considerazione invece per il turista straniero che, avendo in genere poca dimestichezza con la cucina e volendo ripetere a casa un piatto assaggiato in Italia, si trova in difficoltà sia a reperire particolari ingredienti sia a realizzare la ricetta in modo impeccabile. Ecco, con My Cooking Box trova la soluzione a tutto questo.”

Veniamo proprio alla box… Cosa troviamo al suo interno? Quali sono le modalità di acquisto?

“Ogni box contiene tutto il necessario per preparare un piatto tipico: ingredienti altamente selezionati tra le eccellenze alimentari italiane, sale grosso e olio evo, nelle giuste dosi affinché nulla vada sprecato. In più, la spiegazione di come realizzare la ricetta in doppia lingua, italiano e inglese. Il risultato è un piatto dal corretto equilibrio nutrizionale, testato e approvato dal nutrizionista e da uno chef rinomato. Le My Cooking Box si trovano negli shop enogastronomici, presso l’aeroporto di Bergamo – Orio al Serio e sul circuito internazionale di Amazon.”

Da dove provengono e come vengono selezionati i prodotti all’interno delle My Cooking Box?

“Andiamo in cerca di realtà produttrici artigianali, dove la grande maestria del saper tramandare e fare è il fattore di qualità e garanzia del prodotto. Selezioniamo, dunque, piccole aziende che lavorano le eccellenze del loro territorio, proprio per creare dei cofanetti, i nostri My Cooking Box, che racchiudono una specialità regionale. Nella selezione degli ingredienti e nella creazione della ricetta coinvolgiamo l’Accademia del Gusto, un centro di formazione d’eccellenza del settore enogastronomico nel panorama lombardo nonchè affermati professionisti della ristorazione, ciascuno dei quali firma la ricetta del suo territorio di origine. Ad esempio, la ricetta campana dei Mezzi Paccheri IGP di Gragnano con ventresca di tonno e pomodori gialli è stata studiata e testata da Roberto Proto, chef di origini amalfitane e oggi chef-patron del ristorante Il Saraceno di Cavernago in provincia di Bergamo, dal 2014 insignito di una stella Michelin.”

Quali sono infine i progetti per il futuro?

“A brevissimo attiveremo una nostra piattaforma di e-commerce che darà l’opportunità di incrementare le vendite su tutto il mercato europeo. Inoltre, stiamo lavorando a nuovi concept di My Cooking Box, uno dedicato ai bambini e l’altro pensato per chi soffre di intolleranze alimentari. E naturalmente, a breve, lanceremo altre box con nuove ricette regionali!”

Per info: www.mycookingbox.it

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook