di Sabina Schiavon in , ,

Startup innovative, Oreegano: alimentazione sana e consapevole grazie ad una community per tutti i gusti [Intervista]


 

Ancora storie di startup italiane innovative: ecco Oreegano, la community dedicata all’alimentazione sana e consapevole che dall’Italia è approdata anche in Cile

startup innovative oreegano

Torniamo quest’oggi a parlare di startup innovative italiane ed, in particolare, di Oreegano: si tratta di una community nata dall’idea di tre giovani italiani che – unendo le forze, le esperienze e le conoscenze – hanno creato una piattaforma virtuale dove l’alimentazione sana e consapevole è la protagonista indiscussa. Oreegano, infatti, permette ai propri utenti – anche quelli con esigenze alimentari più restrittive – di scoprire e far scoprire una moltitudine di ricette, corredato dai valori nutrizionali completi.

La nostra redazione ha intervistato Francesca Bufano, Co-Founder e CEO della startup innovativa Oreegano, per farsi raccontare qualcosa in più di questa innovativa community.

Ciao Francesca, benvenuta su UrbanPost. Come presenteresti Oreegano ai nostri lettori? Come funziona e a cosa serve?

“Oreegano è il punto di riferimento per tutti coloro che vogliono seguire una sana alimentazione ed essere finalmente consapevoli di quello che stanno cucinando. E’ una community dove chiunque registrandosi può scoprire i valori nutrizionali di ogni piatto. Nel momento stesso in cui si condivide una ricetta su Oreegano, il sistema è in grado di calcolare automaticamente tutti i micro e macro nutrienti di quel piatto. Ad esempio si può scoprire che quel piatto è ricco in vitamina b12 e che con una porzione, riesco ad assumerne il 30% del mio fabbisogno giornaliero! La community offre risposta a qualsiasi esigenza nutrizionale o particolare abitudine, come ad esempio le ricette per le intolleranze alimentari, per vegani, vegetariani e sportivi. Infatti attraverso Oreegano è possibile applicare innumerevoli filtri che permettono di scegliere i piatti che meglio soddisfano le nostre personali esigenze! Basta iscriversi per attivare subito il proprio ricettario virtuale, dal quale salvare le ricette altrui, condividere le proprie, seguire altri utenti, cercare nuove ricette ed essere sempre aggiornati sui contenuti nutrizionali! Per chi volesse andare oltre ed entrare in contatto con un professionista, può accedere al nostro network di nutrizionisti coi quali si può fissare un appuntamento e ricevere consulenza.”

Proseguiamo con la domanda di rito: come e da chi è nata l’idea di Oreegano?

“I founder del progetto sono 3. Giuseppe Grilli è il nostro CTO, sviluppatore della piattaforma, dell’app e della tecnologia nonché specializzando in Intelligenza Artificiale. Ilario Lagravinese, con 6 anni di esperienza in un’agenzia di comunicazione, ha progettato invece tutta la grafica e la user experience di Oreegano. Io sono invece specializzata in diritto penale internazionale e ho alle spalle due anni di esperienza in gestione di progetti per ONU e NGO in America Centrale: in Oreegano mi occupo della campagna di fundraising , dell’amministrazione e
sostenibilità in termini economici del progetto. Oreegano nasce giustamente dalla necessita di due di noi founders che, una volta diventati vegetariani, abbiamo avuto l’esigenza di avere un interlocutore come Oreegano”

E il nome?

“Il nome nasce da una cena internazionale fatta ad Amsterdam, città in cui vivevamo: lì, ragionando sul possibile
nome, anche grazie alla compagnia di persone provenienti un po’ da tutta Europa abbiamo scelto Oreegano: il termina indica infatti una delle spezie tipiche della cucina italiana e si pronuncia in modo simile in molte lingue, motivo per cui risulta molto intuitivo!”

Dall’idea all’impresa… come si è sviluppato il vostro percorso imprenditoriale?

“Siamo passati attraverso un percorso di accelerazione che ha visto coinvolto il MEDAB e LuissEnLabs e ci ha permesso di concentrarci full time su Oreegano. Qui abbiamo sviluppato il prodotto, testato il nostro business con i nutrizionisti e le aziende del settore e iniziato a far crescere la nostra community che ad oggi vanta 24.000 utenti registrati e più di 4.500 ricette condivise, adatte a ogni tipo di alimentazione. Questi risultati ci hanno quindi permesso di lanciare una campagna di crowdfunding , per raccogliere euro 80.000 che, a 14 giorni dalla chiusura, sono già diventati 116.500!”

Obiettivi futuri?

“In Italia vogliamo diventare il nuovo referente per la cucina e la sana alimentazione per una community di 170.000 utenti registrati, ampliare la nostra rete di nutrizionisti anche ad altre città italiane e raggiungere 12 aziende interessate a posizionarsi come società attente alla nutrizione a alla sana alimentazione.”

Il tema del cibo e, più in generale, del “mangiare in modo sano” è sempre più centrale nella vita quotidiana di molte persone. Qual è il target di utenti di Oreegano? E quali i feedback?

“Il target di Oreegano è molto eterogeneo e questo è un punto di forza. Varia di chi ha particolari esigenze alimentari ed è in cerca di ricette e informazioni nutrizionali, a chi ama cucinare e condividere i propri piatti, dal professionista della nutrizione che vuol far conoscere i propri servizi e il proprio punto di vista in materia fino allo chef stellato e al food blogger che ha scelto di condividere con Oreegano la propria abilità e le proprie idee. Il nostro obiettivo è proprio fare in modo che tutti questi attori della sana alimentazione possano dialogare tra loro e scambiarsi idee, informazioni e feedback in materia. Ogni giorno riceviamo dimostrazioni di entusiasmo e partecipazione da parte degli utenti ed anche idee su come rendere il servizio sempre più rispondente alle singole esigenze, i feedback sono importantissimi per noi!”

Infine, qualche curiosità?

“In questo momento siamo in Cile, Paese che offre un momento molto propizio vista l’ultima legge sulle etichette nutrizionali dei prodotti nel supermercato approvata dal governo. Ogni prodotto alto in calorie, sodio e zuccheri ha un bel bollino nero! Vista l’affinità di visione tra la nostra impresa e le vedute del ministero della salute, il governo cileno ha scelto di finanziare Oreegano e, fra pochissimi giorni, i cileni avranno accesso alle ricette condivise qui in Italia e noi italiani potremo conoscere la cucina latina!”

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALE

wickedin lavoro