di Redazione in

Stimolazione magnetica transcranica per vincere dipendenze e depressione: come funziona?


 

Per chi soffre di depressione, o è dipendente dal gioco, o da alcool e droghe, esiste una nuova speranza, grazie ad una nuova tecnologia di recente introduzione: la stimolazione magnetica transcranica.

Cos’è la stimolazione magnetica transcranica? Si tratta di un trattamento ambulatoriale della durata massima di 30 minuti che prevede l’applicazione alla testa del paziente di una specie di casco, che produce stimolazioni magnetiche che aiutano il cervello a liberarsi dalla sensazione di bisogno, chiamata craving, che porta a tornare ad utilizzare le droghe, l’alcool, o a tornare davanti alle slot. Finora l’unico centro in Italia specializzato in stimolazione magnetica transcranica si trovava a Cagliari, ma oggi è disponibile un nuovo centro a Milano, facilmente alla portata quindi di tutta la Lombardia e Canton Ticino. La stimolazione magnetica transcranica si dimostra utile anche per i casi di depressione sui quali i medicinali non hanno effetto.

La percentuale di successo del trattamento è di due pazienti su tre, e di quelli che sono usciti dalle rispettive dipendenze, nella maggior parte dei casi già nella prima settimana hanno riscontrato la “guarigione” dal bisogno, o “craving”. Ci sono persone che decidono di propria volontà di liberarsi dalle rispettive dipendenze, altre che vengono portate dai propri famigliari. Di sicuro, data la breve durata delle sedute, chiunque può sottoporvisi in completa riservatezza, senza rendere noto ad alcuno che si sta disintossicando da una qualsiasi dipendenza, e quindi senza rendere noto ad alcuno di avere una qualsiasi dipendenza.

Milano ha un problema serio di dipendenze, il 3% dei milanesi è dipendente dalla cocaina, e un terzo di questi vuole smettere. In Italia, e lo vediamo dai tanti casi di suicidio, o peggio di omicidio/suicidio, la depressione colpisce il 11% della popolazione. In un caso su tre, il paziente non risponde ai farmaci. La ludopatia è a sua volta un problema devastante, tanti padri di famiglia, o pensionati con basse pensioni, cadono nella trappola delle maledette slot. Lo stesso gioco d’azzardo “tradizionale”, quello in cui ci si siede attorno ad un tavolo a giocare a poker, è un problema spesso ignorato, ma che non è mai scomparso, e continua ad esistere “dietro le quinte” di vite apparentemente normali. La stimolazione magnetica transcranica ripetitiva è una nuova speranza per migliaia e migliaia di persone in tutta Italia, a cominciare da Milano…

* Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook