di Antonio Paviglianiti in ,

Stipendio postino 2017: quanto si guadagna come Portalettere per Poste Italiane? (FOTO)


 

Stipendio postino 2017, quanto guadagna un portalettere di Poste Italiane? Ecco benefit e guadagni monetari…

Stipendio postino 2017

Stipendio postino 2017, quanto guadagna un portalettere che lavora per Poste Italiane? Andiamo ad approfondire questo tema nella giornata in cui sono state indette, sul portale delle Poste, nella sezione lavora con noi, nuove ricerche per postini valide fino a novembre 2017. Ecco tutto quello che c’è da sapere sullo stipendio di un postino al 2017.

>>> TUTTE LE NEWS CON URBANPOST <<<

Stipendio postino 2017: quanto guadagna un portalettere?

Vuoi lavorare nel mondo delle Poste italiane come portalettere? Ecco quanto si guadagna e quali sono i benefit. Anche se a tempo determinato (i contratti sono chiamati in gergo trimestrali ma nei fatti possono durare anche di più), l’offerta come portalettere per il gruppo Poste Italiane è sempre molto ambita sia dai giovani che dai meno giovani, perché permette di mettersi in tasca uno stipendio intorno ai 1.200 euro netti, più Tfr, tredicesima, quattordicesima, buoni pasto di 5 euro e ferie di due giorni ogni trenta di lavoro.

Poste italiane assunzioni 2016

Requisiti Postino 2017: come diventare portalettere per Poste Italiane

Quali sono i requisiti per diventare postini per il gruppo Poste Italiane? Ecco i requisti professionali che devono possedere i candidati per il posto di lavoro:

  • Diploma di scuola media superiore con votazione minima 70/100 o diploma di laurea, anche triennale, con votazione minima 102/110;
  • Non saranno prese in considerazione candidature prive del voto del titolo di studio
  • Patente di guida in corso di validità per la guida del motomezzo aziendale;
  • per la sola provincia di Bolzano è necessario essere in possesso del patentino del bilinguismo;
  • idoneità generica al lavoro che, in caso di assunzione, dovrà essere documentata dal certificato medico
  • rilasciato dalla USL/ASL di appartenenza o dal proprio medico curante (con indicazione sullo stesso certificato del numero di registrazione del medico presso la propria USL/ASL di appartenenza).

Potrai essere coinvolto nel processo di selezione solo se in possesso dei requisiti richiesti ed in relazione alle specifiche esigenze aziendali.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook