in

Strage Cisterna Latina, Antonietta Gargiulo torna a parlare: il messaggio audio

Strage Cisterna di Latina ultime news: Antonietta Gargiulo dimessa dall’ospedale San Camillo di Roma lo scorso 21 marzo, è l’unica sopravvissuta al massacro perpetrato dal marito Luigi Capasso, che all’alba del 28 febbraio dopo averla ferita con tre colpi di arma da fuoco, le aveva sottratto le chiavi dell’appartamento per farvi irruzione e barricarsi per ore. Lì, appena entrato, ha ucciso con la medesima arma le loro due bambine di 7 e 13 anni che stavano dormendo, poi dopo ore di trattative inutili con i carabinieri che cercavano di farlo desistere, si è tolto la vita. Per compiere la stage l’appuntato Capasso ha usato la sua pistola di ordinanza, che deteneva nonostante la moglie avesse presentato tre esposti (anche in Caserma ai suoi diretti superiori) per segnalare i maltrattamenti, le botte e le minacce che l’uomo le infliggeva, e manifestare la grave preoccupazione per l’incolumità sua e delle figlie.
Strage di Latina, lascia l'ospedale la donna ferita dal marito killer

Ebbene, la donna, che ha rischiato di perdere la vita e per un mese non ha potuto parlare in quanto gravemente ferita allo zigomo da un proiettile, che aveva reso necessario un urgente intervento chirurgico maxillo-facciale, si è finalmente e miracolosamente ripresa. Antonietta Gargiulo ha deciso di diffondere via web un messaggio audio di ringraziamento a tutte le persone che in queste settimane hanno sofferto, sperato e pregato per lei. Non ha più con sé le sue amate figlie, Antonietta, ma certamente tanta forza per andare avanti. Il suo è un messaggio ottimista e positivo, nonostante l’atrocità di cui è stata vittima.

Cisterna di Latina news: Capasso ebbe relazione di 3 anni con migliore amica moglie

La donna, molto religiosa, ha inviato un messaggio audio alla comunità Gesù Risorto di cui fa parte. Il video, in cui si sente solo la voce di Antonietta con il testo in sovraimpressione, è stato postato sulla pagina Facebook della stessa Comunità: “Oggi voglio ringraziare ognuno di voi per le preghiere e per l’amore, la mia vita qui è un miracolo e ringrazio Dio ogni istante! Il vero miracolo ancora è l’amore che ha circondato me e soprattutto le mie bambine. Il vero miracolo è che l’odio, il male, il rancore non hanno vinto nei nostri cuori”. Antoietta ribadisce di sentirsi prova vivente dell’esistenza di Dio: “La parola di Dio ha vinto sulla morte ed io lo posso testimoniare. Un grazie senza fine va alla mia famiglia e a tutti voi perché in ogni cellula del mio corpo sento la vita che è rinata da tutte le preghiere per me. A presto vi voglio bene”. L’audio del messaggio qui sotto:

Contratto Statali 2018: è scontro Corte dei Conti – sindacati ma resta “scelta inevitabile”

Personale Ata 2018 scelta sedi: come presentare il Modello D3, ecco le linee guida per indicare le 30 sedi

Back to Top