in

Strage di Erba news: “Olindo e Rosa innocenti”, parla Azouz Marzouk

Strage di Erba ultime notizie: “Rosa e Olindo sono innocenti”. No, a dirlo non è l’avvocato difensore dei coniugi Romano da dieci anni in carcere perché condannati in via definitiva all’ergastolo in quanto ritenuti unici colpevoli del massacro avvenuto l’11 dicembre 2006. A parlare è l’unico sopravvissuto all’eccidio, perché non si trovava in casa, Azouz Marzouk, il quale sostiene che Rosa e Olindo “non possono aver commesso quello per una serie di cose: sia per loro statura fisica sia per tutto quello che ho letto io”.  Nella mattanza di via Diaz ad Erba persero la vita la moglie Raffaella Castagna, il loro bambino Youssef, la suocera Paola Galli e la signora che abitava al piano superiore, Valeria Cherubini. Si salvò miracolosamente il marito della Cherubini, Mario Frigerio, che a processo riconobbe (seppur tardivamente) in Olindo il suo aggressore. Rosa e Olindo dopo aver confessato i delitti, ritrattarono. Scena del crimine e dinamica dei fatti però non furono mai ricostruiti integralmente, tant’è che questa vicenda ha lasciato insoluti molti misteri, primo fra tutti la totale assenza di tracce biologiche della coppia condannata sulla scena del crimine.

strage erba riapertura caso news

Non è la prima volta che Azouz Marzouk si dice convinto della innocenza di Rosa e Olindo, e adesso torna in tv a ripeterlo in una intervista rilasciata a Tunisi, dove ora vive con la sua nuova famiglia, alla trasmissione ‘Tutta la verità’, in onda sul Nove da martedì 10 aprile in prima tv alle 21:25. L’uomo, indicato inizialmente come presunto colpevole, ha sempre detto che leggendo le carte dei processi si evincerebbe l’estraneità ai fatti della coppia: “Hanno confessato perché non avevano nessuno, vivevano uno per l’altra, punto e basta“. Confessione, lo ribadiamo, piena di lacune e contraddizioni (soprattutto quella rilasciata da Rosa Bazzi), dove tante cose non collimano con la ricostruzione fatta dagli inquirenti, e che gli imputati ritrattarono poco tempo dopo averla fatta.

La trasmissione in oggetto ripercorrere le varie fasi di questo intricato caso giudiziario, con il contributo di alcune testimonianze inedite dei conoscenti della coppia, del racconto del maresciallo Comandante della Stazione dei Carabinieri di Erba incaricato delle indagini e delle immagini originali relative al caso. Si parlerà anche della iniziale caccia all’uomo contro Azouz, additato dai media come possibile autore del massacro, dei suoi precedenti penali, del legame con ambienti dello spaccio di droga, fino ad arrivare alla nascita dei sospetti su Rosa e Olindo, le loro conversazioni private intercettate e registrate dagli inquirenti, la loro incriminazione.

Per maggiori approfondimenti sulla questione qui le interviste esclusive di UrbanPost: 

Strage di Erba intervista esclusiva all’avvocato di Rosa e Olindo: perché la corte di Brescia ha negato l’analisi dei reperti?

Clicca qui per leggere l’intervista di UrbanPost alla criminologa Roberta Bruzzone, consulente della difesa di Olindo e Rosa

La strage di Erba, sebbene sia stata emessa la sentenza definitiva da parte della Cassazione, non può ancora essere considerato un caso chiuso. Come UrbanPost ha in più occasioni raccontato e approfondito, intervistando proprio il legale difensore dei coniugi Romano, Fabio Schembri, e la criminologa consulente di parte di Rosa e Olindo, Roberta Bruzzone, ci sono ancora tanti aspetti non risolti, punti oscuri inspiegati e aspetti che non quadrano in siffatta vicenda. Primi fra tutti i numerosi reperti raccolti sulla scena del crimine e mai analizzati, da cui furono estrapolati profili genetici tuttora ignoti e non appartenenti ai coniugi condannati. Per questo è in corso una richiesta di nuovo incidente probatorio (di recente ammesso dalla Cassazione e dalla Corte di Brescia, poi inspiegabilmente rigettato da quest’ultima) che potrebbe portare alla riapertura del processo.

Fabio Fazio Che tempo che fa Anticipazione ospiti

Che tempo che fa ospiti 8 aprile 2018: Loredana Berté e Biagio Antonacci

Ascolti tv Amici 2018 vs Ballando con le Stelle 2018: il commento di Giancarlo Scheri