in ,

Striscia la Notizia: Vittorio Sgarbi e la fake news sulle file al Caf per il reddito di cittadinanza

Domani sera, mercoledì 14 marzo 2018, a Striscia la Notizia si parlerà nuovamente di Vittorio Sgarbi e del suo dono della preveggenza. Dopo il servizio andato in onda ieri in merito alla fake news sulle file al Caf per il reddito di cittadinanza del Movimento Cinque Stelle, dopo la risposta su Facebook dello stesso Sgarbi al noto telegiornale satirico, il programma di Canale 5 tornerà sull’argomento per fare ulteriori precisazioni. Di che cosa si tratterà? C’è pertanto grande attesa per la puntata di Striscia la Notizia su Canale 5. Questa sera il telegiornale satirico andrà in onda in forma ridotta per colpa della partita di Champions.

Striscia la Notizia e Vittorio Sgarbi: il nuovo servizio

Nel servizio di ieri sera di Striscia la Notizia è andato in onda il fuorionda in cui il responsabile dell’ufficio stampa di Vittorio Sgarbi sembrava proporgli la fake news delle file al Caf per il reddito di cittadinanza. Dal filmato pare che sia stato proprio Vittorio Sgarbi a dare il via alla diffusione della notizia. Il critico d’arte, però, ha duramente replicato sulla sua pagina Facebook, sostenendo che la telefonata tra lui e il suo ufficio stampa è avvenuta il giorno dopo la pubblicazione della notizia sui giornali. Il famoso telegiornale satirico di Antonio Ricci tornerà ad occuparsi della questione per sottolineare come il fuorionda di Sgarbi sia stato preso durante la registrazione del programma Dalla Vostra Parte di lunedì 5 marzo 2018 e che, invece, il primo organo di stampa a parlare delle code al Caf sia stato la Gazzetta del Mezzogiorno durante la giornata di mercoledì 7 marzo 2018. Secondi i dati in mano a Striscia, infine, di questa notizia si è poi occupata anche l’Ansa, ma solo il giorno seguente, giovedì 8 marzo 2018. Ecco perché per Striscia la Notizia Vittorio Sgarbi potrebbe avere il dono della preveggenza. Come risponderà il critico d’arte al telegiornale?

striscia la notizia

Vittorio Sgarbi Facebook: la risposta  a Striscia la Notizia

Nel lungo post su Facebook Vittorio Sgarbi, dopo il primo servizio di Striscia la Notizia ha scritto: “La sola «fake news» è quella di «Striscia la notizia». Servizio completamente falso. Sarebbe bastato contestualizzare la telefonata tra me e il mio ufficio stampa per comprendere come non stessimo «confezionando» un bel nulla, ma, al contrario, commentando la notizia delle file al Caf per il reddito di cittadinanza – pubblicata da numerosi organi di stampa nazionali e regionali e diffusa da numerose reti televisive – concordando, quindi, di rilanciarla, con toni ironici («così li prendiamo per il culo») sui nostri profili social, cosa che, peraltro, com’è facilmente verificabile, non abbiamo più fatto proprio per le notizie contraddittorie che si susseguivano.Una telefonata, dunque, successiva (l’indomani, per la precisione) alla pubblicazione sui giornali delle file ai Caf” aggiungendo: “E’ una notizia vera, invece, la «marchetta» che gli intrepidi Ficarra & Picone, forse ansiosi di mostrarsi fedeli al nuovo potere che avanza, hanno inteso fare ai 5 Stelle montando un servizio che stravolge la realtà, facendo credere che le file al Caf (pubblicate anche da «Corriere della Sera» e «Il Sole 24 Ore») fossero una nostra invenzione. Insomma, tanto rumore per nulla“.

In un post successivo Vittorio Sgarbi su Facebook ha fatto una ulteriore denuncia:

Wrestlemania 34 card: tutti i match annunciati e quelli probabili

Massimiliano Caroletti Instagram: nuova stoccata ad Alessia Marcuzzi