di Sabina Schiavon in ,

Svalbard Global Seed Vault: la banca dei semi si arricchisce di 50mila nuovi arrivi


 

Svalbard Global Seed Vault: la banca mondiale dei semi scavata nel permafrost si arricchisce di 50mila nuovi arrivi

svalbard global seed vault

Lo Svalbard Global Seed Vault si arricchisce di 50mila nuovi arrivi. La banca dei semi è un enorme deposito che, collocato nell’estremo nord del mondo, custodisce e difende il patrimonio genetico delle più importanti zone agricole della Terra.

==> OJMJAKON, ECCO IL VILLAGGIO PIÙ’ FREDDO DEL MONDO

Quanti di voi sapevano dell’esistenza di una banca mondiale dei semi? Il suo nome è Svalbard Seed Vault e si trova sull’isola norvegese Spitsbergen, una delle isole dell’arcipelago delle Svalbard nonché zona a soli 1300 chilometri dal Polo Nord. Ma qual è lo scopo della banca dei semi? Creata nel 2006 dal Fondo mondiale per la diversità delle colture (Global Crop Diversity Trust), questa inusuale banca custodisce e difende – sotto uno spesso strato di permafrost – il patrimonio genetico delle principali zone agricole del Pianeta. Ma quali semi sono custoditi nella Global Seed Vault? In generale, la banca dei semi delle Svalbard custodisce i semi di tutte le specie vegetali fondamentali per la sopravvivenza dell’uomo nel mondo.

==> CODEX SERAPHINIANUS, ECCO IL LIBRO PIÙ’ MISTERIOSO DEL MONDO

Lo Svalbard Global Seed Vault, per quanto sconosciuto a molti, è una vera e propria risorsa per tutto il Pianeta: i semi contenuti nella banca mondiale infatti – molti dei quali sono dei veri e propri backup di quelli contenuti nelle banche dei semi nazionali – vengono custoditi in un habitat che permette la loro conservazione per 55 anni anche in caso di blackout, una vera e propria risorsa in caso di carestie. La posizione è anche fondamentale per difendere i semi da guerre e violenze: le isole Svalbard, per quanto appartenenti alla Norvegia, sono infatti uno dei luoghi più remoti della Terra. Ad arricchire il patrimonio biologico lì contenuto sono arrivati ultimamente altri 50mila semi: si tratta di semi di patate, riso, sorgo, orzo, ceci, lenticchie e frumento provenienti da Benin, India, Pakistan, Libano, Marocco, Olanda, Stati Uniti, Messico, Bosnia, Bielorussia e Gran Bretagna. In totale, quindi, lo Svalbard Global Seed Vault contiene attualmente 940mila semi: la sua capacità massima, invece, è di 4,5 milioni.

Credit: Wikimedia.org

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanPost

Leggi anche

Commenta via Facebook