in

Svezia, ecco la brochure di sopravvivenza in caso di guerra: perfezionismo nordico o segno premonitore?

Il governo svedese ha inviato alle famiglie una brochure intitolata Om krisen eller kriget kommer – If crisis or war comes, letteralmente “Se scoppia una crisi o una guerra”, con i consigli su come comportarsi e come proteggersi in caso di un conflitto armato. Nelle 20 pagine del documento viene spiegato dove rifugiarsi, come reperire scorte alimentari, come comportarsi senza internet e bancomat, come riconoscere notizie false e altro ancora. “Sebbene la Svezia sia più sicura di molti altri paesi – recita il testo introduttivo della brochure – ci sono ancora minacce alla nostra sicurezza e indipendenza. Pace, libertà e democrazia sono valori che dobbiamo proteggere e rafforzare quotidianamente”. “Se la Svezia venisse attaccata da un altro paese – si legge ancora – non ci arrenderemmo mai. Qualsiasi informazione relativa alla resa sarebbe falsa”.

Non è la prima volta che un documento simile viene distribuito tra la popolazione svedese: era già successo nel ‘43, quando la Germania nazionalsocialista aveva già occupato Danimarca, Finlandia e Norvegia. Poi una riedizione aggiornata e distribuita nel ‘61, in piena Guerra Fredda. Il manuale – che lo scorso maggio è arrivato nelle case di 4,7 milioni di famiglie svedesi – ha suscitato reazioni contrastanti. Molti analisti, una volta passato il clamore del momento, lo hanno studiato sia sul piano sociologico e politico che da un punto di vista meramente comunicativo. Se oggi la stampa brochure viene utilizzata da governi e amministrazioni locali prevalentemente per attività di promozione turistica, e dalle aziende per attività di marketing o comunicazione interna, questa vicenda ha dimostrato che i materiali pubblicitari e divulgativi a stampa sono ancora in grado di esercitare un fascino notevole sulle persone.

Con l’avvento del web la stampa di brochure sembrava passata di moda, invece eccola ancora qua, più efficace che mai. Si è semplicemente evoluta, nel senso che grazie a internet stampare brochure e altri supporti è più facile ed economico, grazie a tipografie digitali operative online; ma l’efficacia non è cambiata, nonostante il ruolo fondamentale di internet nelle dinamiche comunicative odierne. Poi, i tanti commenti politici firmati da columnist internazionali, pubblicati sulle principali testate di informazione. Chi ha considerato la stampa delle brochure di “sopravvivenza” un inutile spreco di carta, chi ha sottolineato che la vera sfida della Svezia contemporanea – la politica estera e la difesa dalle ingerenze russe – non si può vincere con un volantino. E nemmeno con le armi.

OMICIDIO SUICIDIO NEL VIBONESE

Uccide la moglie e si impicca: orrore a Paravati di Mileto

Temptation Island 2018 news

Temptation Island 2018 news, la gaffe di Martina fa scalpore: cosa è successo ieri?