in ,

Tania Cagnotto mamma: il settimanale “Chi” pubblica la prima foto di Maya (FOTO)

Tania Cagnotto è diventata mamma la scorsa settimana. La figlia della tuffatrice di Bolzano è nata martedì 23 gennaio, con una settimana d’anticipo rispetto al termine. Il settimanale Chi pubblica in esclusiva nel numero in edicola da mercoledì 31 gennaio le immagini della prima uscita di Tania Cagnotto con la il marito Stefano Parolin e la loro bambina Maya.

Buongiorno a tutti!Io e Maya stiamo benissimo e domani si torna a casa in 3 ❤️🐣 grazie per l’affetto ricevuto 😍🍼#family #inlove❤ #noitre @parolin.s

Un post condiviso da Tania Cagnotto (@cagnottotania) in data:

Tania Cagnotto è mamma: arriva Maya

La piccola si chiama Maya,sta bene e pesa 3 kg e 40 grammi.  Tania Cagnotto ha lasciato l’attività agonistica nel maggio scorso a 32 anni con l’ultimo volo dal trampolino. Eppure, la campionessa azzurra non ha escluso un possibile ritorno dopo la gravidanza.

Tania Cagnotto: la carriera da sportiva

Argento olimpico nel sincro insieme e Francesca Dallapè, ai Giochi di Rio del 2016 ha ottenuto anche un bronzo trampolino che si vanno ad aggiungere alle 10 medaglie conquistate ai Mondiali. Figlia d’arte, il papà Giorgio negli anni settanta è stato uno degli atleti di punta della disciplina e la mamma Carmen anche è stata campionessa italiana e la ha fatto da allenatrice agli inizi della carriera.

Tania Cagnotto marito: la sua storia con Stefano

Tania Cagnotto si è sposata con Stefano Parolin nel settembre scorso all’Isola d’Elba. Il marito, commercialista con la passione della vela, lo ha conosciuto sette anni prima in vacanza proprio sull’isola toscana.

Tania Cagnotto and her husband Stefano Parolin are seen leaving the hospital with their newborn Maya on January 26, 2018 in Bolzano, Italy. Photo BEESCOOP.COM

Liste centrodestra elezioni politiche 2018

Elezioni 2018 news, i candidati del centrodestra: Adriano Galliani è la grande sorpresa

Ultimi sondaggi elettorali 2018

Ultimi sondaggi elettorali, EMG Acqua: le intenzioni di voto degli italiani alle politiche 2018, vincerà l’astensionismo?