di Redazione in

Tantra Sex per principianti: come introdurlo nella vita di coppia


 
MySecretCase.com

MySecretCase.com nasce nel 2014 come primo sexy shop online al femminile in Italia e da subito, tra blog, eventi e workshop “curiosi”, riesce ad affermarsi come punto di riferimento per una discussione a 360° sul mondo della sessualità. Il suo team 100% in rosa vi racconterà con ironia e puntualità tutto quello che ancora non sapete sulla grande “S”. Soddisfare la vostra curiosità sarà il nostro più grande piacere: ecco a voi dunque la ventiquattresima “puntata” di Secret Love, buona lettura!

secret love

Potreste aver sentito parlare di tantra o sesso tantrico ovunque, in un sexy shop come nei siti di gossip – galeotto fu l’ulivo per Naike Rivelli e Yaki Carrisi, due estati fa – non è mai stato tanto di moda. Ma cos’è il tantra esattamente? E, cosa più importante, come introdurne i principi nella propria vita sessuale di tutti i giorni senza per forza essere Sai Baba? Quest’antica pratica tutta consapevolezza, attenzione e connessione è fatta “per intessere, unire, intrecciare”, afferma il sex coach Devika Singh. E sì, se si riesce a stillarne qualche goccia per il viver bene quotidiano, la comunicazione e l’armonia con il partner aumentano, garantito. Eccone qualcuna.

L’orgasmo “dell’energia”

Concentrarsi sul respiro è il primo passo per raggiungere l’”orgasmo dell’energia”, ovvero qualsiasi orgasmo non derivi dal mero atto sessuale ma da un’energia che coinvolge tutti i sensi. “Imparate cos’è un orgasmo e come averne diversi non necessariamente focalizzati sui genitali”, suggerisce la performer ed educatrice sessuale Annie Sprinkle, autrice del libro “The Explorer’s Guide to Planet Orgasm”, che illustra modi insoliti e sconosciuti per raggiungere il climax anche grazie al tantra.

Lo Yab-Yum

Una delle posizioni tantriche più famose è lo Yab-Yum (o fiore di loto), simbolo di unione divina di origine tibetana: un sensuale abbraccio in cui lei è seduta sopra di lui con le gambe incrociate dietro la sua schiena. Tutti i workshop di tantra partono da questo, ma Singh consiglia di non concentrarsi tanto sul posizionamento delle gambe quanto sulla sincronizzazione del respiro e la tenuta dello sguardo, occhi negli occhi. Basta “solo” questo a creare la più intima delle connessioni.

tantra

I sensi del bacio

Il bacio non è mai soltanto un bacio. Guardate le labbra del partner, il suo volto, i suoi occhi. Come vi ricambiano? Cosa li fa sorridere e sentire amati? Portate l’attenzione sui sensi, partendo dall’olfatto: annusate i suoi capelli, il suo respiro, la sua pelle. Passate poi al gusto, aiutandovi inizialmente con dei kissable per il corpo, un gioco immediato pensato per chi non ha molta dimestichezza con la lentezza e i preliminari. Ecco il tatto. Non esistono solo le labbra, esplorate le guance, le palpebre, le ciglia, con le mani, con la lingua e soltanto infine con le labbra. In ultimo l’udito: ascoltate il suono del respiro e lo scoccare lieve dei baci. Ben prima di qualsiasi dirty talk.

La wishlist

Il tantra sa essere molto accogliente con i novellini, ma dopo i primissimi passi ecco che cominciano i compiti a casa. Dal momento che la comunicazione è la chiave della connessione, è importante capire cosa vi stimola, ma soprattutto cosa vi trasforma. Singh nei suoi workshop chiede sempre a ogni partner di stilare una lista di cosa vorrebbe dall’altro. Le liste poi vengono scambiate e ne esce un brainstorming utile ed eccitante: il più delle fantasie riguarda il BDSM e i giochi di ruolo, anch’essi tantrici se fatti con estrema consapevolezza e attenzione.

Self -tantra

Splendida notizia: non dovete per forza essere in coppia per aggiungere un po’ di tantra alla vostra vita sessuale. Chiunque può averne un assaggio anche con la masturbazione: “Essere single è un’ottima occasione per lavorare senza fretta sul respiro, sulla presa di coscienza dei tuoi desideri, sull’essere presente a te stesso e sull’esplorazione lenta del tuo corpo”, afferma Singh. E la masturbazione è il miglior modo per farlo. Del resto, è scientificamente provato che chi si masturba ha meno difficoltà a raggiungere l’orgasmo. Che sia single, just married o per sempre felice e contento.

>>> LEGGI QUI LE PUNTATE PRECEDENTI DELLA RUBRICA

* In questo articolo alcuni prodotti possono essere citati per finalità commerciali.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook