di Stephanie Barone in ,

Tariffe telefoniche, addio al rinnovo a 28 giorni per il fisso: ecco le novità


 

Niente più tariffe telefoniche ogni 28 giorni per le linee fisse: ecco la sentenza dell’Agcom che fa tornare al vero mensile le compagnie telefoniche.

tariffe telefoniche, tariffe telefono, bollette telefono, bollette telefono mensili, bollette telefono 28 giorni,

L’ultima sentenza dell’Agcom, l’Autorità per le Garanzie delle Comunicazioni, mette un punto ad una pratica attuata negli ultimi tempi dalle compagnie telefoniche non propriamente a favore dei consumatori. L’ente infatti ha stabilito che deve essere il mese l’unità di misura per l’emissione delle bollette per le linee telefoniche fisse e non le quattro settimane o 28 giorni. Già da qualche tempo infatti le compagnie si stavano basando su tariffe telefoniche a 28 giorni per le richieste di pagamento ai clienti, autoimponendo sostanzialmente una “tredicesima delle Tlc”. Come spiega invece l’Agcom “l’unità temporale per la cadenza di rinnovo e fatturazione dei contratti di rete fissa deve essere il mese, affinché l’utente possa avere la corretta percezione del prezzo offerto da ciascun operatore e la corretta informazione sul costo indicato in bolletta per l’uso dei servizi”. 

=> Volete essere sempre aggiornati? Seguiteci anche sulla nostra pagina Facebook!

Con la sentenza quindi le compagnie telefoniche che si occupano di linee fisse avranno tempo 90 giorni per mettersi in regola con la nuova normativa, poi i consumatori potranno rivolgersi direttamente all’Agcom per le denunce. La decisione è stata molto chiara per quel che riguarda le tariffe telefoniche sulle linee fisse: le bollette dovranno arrivare necessariamente alla fine del mese reale. Differentemente rimarranno a 28 giorni (ma non inferiori a questo limite) le tariffe telefoniche per i cellulari, trattandosi per lo più di ricaricabili o prepagate.  L’Autorità ha anche stabilito, nei casi di offerte di telefonia mobile che abbiano cadenza diversa da quella mensile, l’obbligo per gli operatori di informare l’utente, tramite l’invio di un sms, dell’avvenuto rinnovo dell’offerta.

Infine nel caso in cui si abbia a che fare di tariffe telefoniche “combinate”, ovvero che uniscono la linea fissa e quella mobile in un unico pagamento, dovrà prevalere la scadenza prevista per il fisso, ovvero su base mensile reale.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook