in

Taser a forze dell’ordine: come funziona e quanto costa agli italiani? Ecco cosa cambia

È stato firmato il decreto che dà il via alla sperimentazione del taser, la pistola elettrica che sarà data in dotazione alle forze dell’ordine. Lo rende noto il Viminale, ricordando che sarà usato inizialmente in 11 città: Milano, Napoli, Torino, Bologna, Firenze, Palermo, Catania, Padova, Caserta, Reggio Emilia e Brindisi. La sperimentazione sarà affidata alla polizia di stato, all’arma dei carabinieri e alla guardia di finanza. Trenta i dispositivi da acquistare, per ora. La fase sperimentale seguirà un disciplinare che un apposito gruppo interforze sta mettendo a punto e sulla base del quale saranno formati le donne e gli uomini delle forze dell’ordine, coinvolti nella prima fase di utilizzo. Ma come funziona il Taser che sarà dato alle forze dell’ordine? Quanto costa? Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Leggi anche: Tutte le news sul mondo della politica con UrbanPost

Come funziona il taser alle forze dell’ordine?

Ma come funziona un taser? Il dispositivo è molto simile a una pistola, anche se quello prodotto dalla Axon (azienda che ha quasi un monopolio mondiale su questi apparecchi) è di colore giallo e ha dimensioni un po’ più grandi di una Beretta. Si impugna e ha un «grilletto» che non esplode proiettili, ma aziona una scarica elettrica ad alto voltaggio (circa 50mila volt) e a bassa intensità di corrente. Riesce a colpire un bersaglio fino alla distanza di sette metri e il risultato – almeno quello teorico – è l’immobilizzazione della persona colpita, derivante dalla contrazione dei muscoli impressa dalla scossa. Di taser ne esistono diversi tipi, ma quello che dovrebbe essere dato in dotazione agli agenti italiani è il modello X2, che funziona con scarica elettrica a intensità regolare con durata controllata di 5 secondi, possibilità di colpire il bersaglio fino a 7 metri di distanza e con un colpo di riserva (dunque utilizzabile due volte consecutivamente senza la necessità di ricaricare la pistola).

bergamo 21enne a piedi in autostrada

Taser alla polizia: quanto costa?

La Axon Enterprise, unica azienda produttrice di questa pistola elettrica, ha una capitalizzazione di mercato di circa 4 miliardi di dollari. La stessa azienda fino a poco tempo fa si chiamava Taser International, ma ha deciso di cambiare nome per un fatto di immagine. Secondo gli ultimi dati diffusi (che sono quelli relativi al 2016), la divisione di Axon che produce pistole elettriche vale il 76% delle entrate totali. Il 24% rimanente, invece, arriva dal nuovo business messo in piedi da Axon, quello relativo alle microtelecamere da installare su pattuglie e divise dei poliziotti. I taser, nel 2016, hanno portato nelle tasche di Axon 268 milioni di dollari.

Taser alla polizia, quali effetti?

Secondo Amnesty International, circa 500 persone sono decedute nel decennio 2001/2011 a causa delle conseguenze della scossa elettrica emanata da un taser. Secondo una stima pubblicata dall’agenzia di stampa Reuters che riporta dati fino al 2017, invece, le vittime da taser sono circa mille. Le persone a maggior rischio sono quelle con pregresse patologie cardiache, ma nessuno ha mai escluso che possano essere fatali su soggetti sani.

Cannabis legale zurigo

La cannabis light può essere venduta dai tabaccai? Licenze a rischio e multe salatissime, ma occhio alla normativa

Wind Summer Festival 2018 scaletta oggi 5 luglio 2018 e ordine di uscita: ecco i cantanti protagonisti su Canale 5