in

Tennis, della Serie Saranno Famosi: Gianluigi Quinzi

Nell’ultimo fine settimana ha perduto la sua prima finale in un torneo del circuito Atp. E’ accaduto a Curicò in Cile,dove il bimbo prodigio è stato sconfitto con un periodico 6-4 al tennista di casa Guillermo Rivera-Aranguiz, testa di serie numero 5 e 464,mo nel ranking mondiale. Per il giovane Gianluigi si tratta di un ottimo risultato che lo proietta nei top 600 del mondo, qualcosa di straordinario per un ragazzo della sua età.

Giovani Tennisti Italiani

Il tennista italiano sta per chiudere un 2012 memorabile che a maggio lo ha visto trionfare nel prestigioso Trofeo Bonfiglio, arrivare fino alle semifinali del torneo di Wimbelon della sua categoria e poi trascinare al trionfo l’Italia nella Coppa Davis Junior, primo successo azzurro nella storia. Quinzi, mancino, da fondo campo è praticamente un muro con il diritto ed è pure dotato di un rovescio che fa molto male.

Probabilmente deve migliore i colpi sotto rete e deve acquisire un pizzico di mobilità in più, ma con la sua stazza (è alto 187 centimetri) non sarà mai una gazzella. Si allena all’estero, ma anche sotto gli occhi di papà Luca, presidente del circolo tennis di Porto San Giorgio (Ascoli) dove risiede. Lui intanto continua a macinare chilometri e avversari per il mondo mentre l’Italia che ama il tennis lo aspetta con ansia.

Written by Fabrizio Pucci

Fabrizio Pucci nasce nel 1970 a Livorno, città dove risiede. Nel 1984 pubblica il primo articolo, la presentazione della partita di calcio Livorno-Ancona. Dopo il Liceo inizia una serie di collaborazioni con radio e tv che con gli anni lo porteranno fino a Tele+ e Sportmediaset. Attualmente collabora con Il Tirreno di Livorno. Appassionato di Sport, non si perde una partita del 'suo' Livorno per lavoro, ma anche per amore della maglia amaranto. Pessimista di natura, perché è sempre meglio prepararsi al peggio per poi festeggiare il meglio.

Timori Internazionali Debito Argentina

Obbligazioni Argentina: Timori degli Investitori su Sentenza Tribunale USA

30 anni di Torino Film Festival