di Antonio Paviglianiti in

Come ti ammazzo il bodyguard uscita, cast, trailer, sinossi: da domani al cinema


 

Come ti ammazzo il bodyguard cast, trama, uscita, streaming ita e trailer: tutto sul nuovo film con Ryan Reynolds e Samuel L. Jackson

Come ti ammazzo il bodyguard, pellicola cinematografica con Ryan Reynolds e Samuel L. Jackson. Il cast, trailer, sinossi e trama del film al cinema da giovedì 5 ottobre 2017.

>>> TUTTO SUL MONDO DEL CINEMA <<<

Come ti ammazzo il bodyguard trailer: ecco il videoclip

Ecco il trailer di Come ti ammazzo il bodyguard, nelle sale da giovedì 5 ottobre 2017.

Come ti ammazzo il bodyguard: il cast

Il cast di Come ti ammazzo il bodyguard, film in uscita nelle sale da giovedì 5 ottobre 2017:

  • SAMUEL L. JACKSON Darius Kincaid
  • RYAN REYNOLDS Michael Bryce
  • GARY OLDMAN Vladislav Dukhovich
  • SALMA HAYEK Sonia Kincaid
  • ELODIE YUNG Amelia Roussel
  • JOAQUIM DE ALMEIDA Foucher
  • KIRSTY MITCHELL Rebecca Harr
  • RICHARD E. GRANT Seifert
  • ROD HALLETT Professor Asimov
  • YURI KOLOKOLNIKOV Ivan
  • TSUWAYUKI SAOTOME Kurosawa
  • RICHARD E. GRANT Seifert
  • NADIA KONAKCHIEVA Mrs. Asimov
  • VALENTIN STOYANOV Petr Asimov Jr.

>>> TUTTO SUL MONDO DELLE NEWS <<<

Come ti ammazzo il bodyguard: sinossi e trama

Al miglior bodyguard del mondo [Ryan Reynolds] viene dato l’incarico di proteggere il suo miglior nemico, uno dei sicari più pericolosi in circolazione [Samuel L. Jackson]. L’instancabile guardia del corpo e il killer manipolatore sono stati al lato opposto delle rispettive pistole per anni, e ora sono costretti a passare insieme 24 ore di follia. Durante le loro turbolenti e esilaranti avventure tra l’Inghilterra e l’Olanda avranno a che fare con corse in macchina al cardiopalma, assurde fughe in barca e con un crudele dittatore dell’Est Europa assetato di sangue. Salma Hayek si unisce alla banda interpretando la non meno pericolosa moglie di Jackson.

Come ti ammazzo il bodyguard: le curiosità

La sceneggiatura di Tom OConnor per COME TI AMMAZZO IL BODYGUARD trova le basi in alcuni dei punti forti dei thriller dazione, tra cui il sicario a piede libero che non può sbagliare un colpo e la guardia del corpo con la testa tra le nuvole la cui protezione non fallisce mai – e l’inevitabile incontro/scontro tra i due. Dosare equamente commedia e azione non è stato un compito facile, ed è qualcosa con cui mi sono dato da fare all’inizio della sceneggiatura perché so che la volevo divertente senza però essere eccentrica o sciocca racconta OConnor. Due delle stelle più ambite di Hollywood hanno accettato di interpretare i ruoli principali, facendo accelerare la produzione in maniera incredibile. L’unione di due delle star più amate dal pubblico richiedeva come passo successivo quello di trovare un regista in grado di portare avanti una serie non-stop di sequenze dazione incredibili miste a scene comiche. Nella tradizione dell’action-comedy la sceneggiatura offre una storia costituita da un’escalation di situazioni dalle quali è difficile uscire – e in questo film questa serie di situazioni estreme porterà il sicario e il bodyguard sempre di più a un avvicinamento alla corte internazionale…e tra di loro.

Qui entra in gioco Patrick Hughes: avendo già lavorato con un cast stellare e pieno dazione come quello di Mercenari 3, aveva acquisito il taglio adrenalinico necessario, ed era pronto a qualcosa di diverso. Patrick era in grado di stare al timone, di essere il generale in comando del cast e di portare il tutto in vita conferma lo sceneggiatore Tom O’Connor. Hughes aveva intuito il potenziale per una reazione esplosiva tra Reynolds nei panni di Bryce il perfezionista e Jackson in quelli di Kincaid lo svitato. Si è divertito a riproporre la base di alcuni blockbuster anni 80 e 90 – le commedie con coppie male assortite – in una formula fresca ma audace, piena di azione veloce e freneticamente calibrata, che solo nel 21mo secolo poteva essere creata.

La storia di COME TI AMMAZZO IL BODYGUARD mi è piaciuta in parte perché ha quel sapore old school di buddy comedy in stile classico – con due personaggi contrastanti con abitudini di vita completamente differenti – e questo era qualcosa che volevo mantenere ma trasporre in una maniera più moderna spiega Hughes. I primi incontri con Ryan Reynolds hanno aiutato a fortificare la dinamica tra due persone che credevano fortemente – e a ragione – di essere nemici per la pelle, ma nonostante questo finiscono per proteggere le spalle luno dell’altro.

Io e Ryan siamo convinti che in fondo questa sia una storia di redenzione del suo personaggio, Michael Bryce, facilitato dal compito di proteggere Kincaid. – spiega Hughes –Il problema di Bryce è l’essere fin troppo metodico nei confronti di ogni cosa. Ha provato ad avere pieno controllo su tutti gli aspetti della sua vita, dal suo lavoro al suo amore. Kincaid è l’opposto di tutto questo – è fuori controllo, scatenato, fa sempre quello che gli passa per la testa. Kincaid diventa senza volerlo una specie di mentore per Bryce.

Crediti non contrattuali durante questo folle viaggio, e partono dal volersi uccidere lun laltro a qualsiasi costo finendo poi per capirsi vicendevolmente e – a denti stretti – anche a imparare qualcosa sulle relazioni umane.I produttori erano elettrizzati dall’approccio di Hughes, ammiccante ma appassionato al genere. Patrick a portato nel progetto un grande senso dell’umorismo ma anche la sensibilità per il grande intrattenimento – commenta Weldon – ha aiutato a sincronizzare Ryan e Sam portandoli allo stesso ritmo, e questo ha permesso loro di recitare con enfasi e entusiasmo. Non solo Patrick capisce la commedia, ma è stato capace allo stesso tempo di realizzare alcune scene dazione epicamente divertenti.

A proposito del lavoro di Hughes, così ha commentato Samuel L. Jackson: è sempre un bene avere un regista che porta sul set così tanto entusiasmo ed energia. Patrick ci ha fatti stare sempre sull’attenti, ed è però anche riuscito a darci la libertà di prendere e fare le cose che ci sembravano giuste per portare avanti la storia.Aggiunge Reynolds: la capacità e lo stile di Patrick lo rendono perfetto per un film come questo, con le sue esagerazioni e i toni divertiti. Patrick mette quei toni davanti a tutto ed era proprio lui a sostenere tutti noi ogni giorno.

Ci ha aiutato a creare un’incredibile sequenza di scene dazione ricca di suspense ma anche edificante e divertente. Ogni sequenza è unica e sarà per il pubblico una vera avventura.Commenta Salma Hayek: Patrick è stata una scoperta fantastica per me. È riuscito a fare un film che riesce ad essere insieme divertente, romantico e anche un po’ malizioso.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanSpettacolo

Leggi anche

Commenta via Facebook