di Vincenzo Mele in

Top 11 Europei Under 21 1° giornata: l’Italia può sorridere


 

La Top 11 della 1° giornata degli Europei Under 21: presenti Pellegrini, Rugani e altri due “italiani”

La vittoria degli azzurrini ha chiuso la 1° giornata degli Europei Under 21. Oltre all’Italia, vincono Spagna, Portogallo e Germania, sorprende la Slovacchia, deludono per il momento la Polonia e l’Inghilterra. Quattordici reti, alcune molto belle, all’esordio il torneo non ha deluso le aspettative della vigilia.

Top 11 Europei Under 21 1° giornata: Rugani, Pellegrini e altri due “italiani”

CHOVAN – Il portiere della Slovacchia ha salvato nel finale il risultato, permettendo ai suoi compagni di conquistare una vittoria importantissima contro i padroni di casa. Un giovane da tenere d’occhio anche nelle prossime partite.

VALJENT – Il primo degli “italiani” presenti nella nostra Top 11. Il difensore della Ternana dà il via alla rimonta e gioca una partita straordinaria anche in fase difensiva.

RUGANI – Campione d’Italia e vice campione d’Europa con la Juventus, l’ottima prestazione con l’Italia di certo non fa notizia. Dà sicurezza a tutto il reparto, sa sempre cosa fare, gioca pulito e alza un muro davanti all’attacco avversario.

SKRINIAR – Ecco il secondo “italiano” presente nella Top 11. Il difensore della Sampdoria conferma l’ottima forma fisica dopo la stagione straordinaria con la squadra blucerchiata. Il difensore ovviamente è uomo mercato e potrebbe finire all’Inter.

GERHARDT – Con la Repubblica Ceca in difficoltà gioca praticamente da ala offensiva. Ottima prestazione, corre su tutta la fascia sinistra e conquista il rigore sbagliato poi da Selke. E’ sicuramente uno dei terzini sinistri più interessanti di questo torneo.

RENATO SANCHES – Titolare già due anni fa con il Portogallo, è di un altro livello e lo dimostra ampiamente. L’assist per il gol di Bruno Fernandes è un’opera d’arte. Dopo una stagione abbastanza incolore con il Bayern Monaco vuole riscattarsi per rientrare tra i titolari di Carlo Ancelotti il prossimo anno.

SAUL – Stesso discorso del portoghese, anche il centrocampista dell’Atletico Madrid è di un’altra categoria. Uno dei gioielli di questa Spagna mostruosa.

PELLEGRINI – Il secondo degli azzurrini presenti nella nostra Top 11. Il suo gol è una meraviglia per gli occhi, forse più bello anche di quello di Asensio contro la Macedonia. Classe, personalità e grinta: il centrocampista ha tutto per far bene in questo torneo e sfondare nel campionato italiano. Di Francesco (probabilmente il suo prossimo allenatore) è avvisato.

GNABRY – Prima di partire ha firmato l’accordo con il Bayern Monaco e il prossimo anno farà concorrenza a Robben, Ribery e Muller. Ha tutte le carte in regola per scardinare la concorrenza di quei mostri sacri. Nel frattempo incanta con la Germania.

GUEDES – Non è stata una grande giornata per le punte, fra lui e Petagna alla fine abbiamo preferito il portoghese perchè è stato presente in partita dal primo minuto ed ha sbloccato il risultato con una rete da vero numero nove.

ASENSIO – Dulcis in fundo… il migliore della 1° giornata. E’ un calciatore veramente mostruoso: velocità, dribbling, adesso anche bomber. Dopo il gol nella finale di Champions League, adesso ne fa addirittura tre alla Macedonia, di cui uno bellissimo da fuori area. Ronaldo potrebbe lasciare il Real Madrid, ma i merengues hanno già l’alternativa in casa.

Europei Under 21 2017: tutti i flop della 1° giornata

Se da una parte ci sono i top, dall’altra ovviamente ci sono i flop. Chi ha deluso in questa 1° giornata degli Europei Under 21? Nel reparto difensivo, oltre ai calciatori di Serbia e Macedonia che hanno dovuto arrendersi, ci si aspettava di più sicuramente dai difensori polacchi, tra i quali Bednarek e Jaroszynski. Nelle fila polacche delude anche Linetty, centrocampista della Sampdoria. Brutta partita anche di Baker dell’Inghilterra. In attacco delude Schick, uno dei più attesi in questo torneo.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Leggi anche

Commenta via Facebook

EDITORIALI