in

Trasforma la tomba del suo bambino, in qualcosa di speciale, mai visto prima. Date un’occhiata più da vicino e capirete cosa intendiamo

Questa è la storia di Ernest e Anneke Robinson, due genitori che nell’anno 1988, precisamente il 23 settembre, hanno accolto tra le loro braccia il loro primo e unico figlio Matthew. Purtroppo il piccolo è nato con delle gravi disabilità, è nato cieco e paralizzato, non poteva muove nulla dal collo in giù. Nessun medico gli diede nemmeno la minima possibilità. I genitori furono subito informati che, probabilmente, sarebbe morto a distanza di qualche ora. Ma Matthew riuscì a battere ogni prospettiva e da guerriero iniziò a diventare sempre più forte, arrivando all’età di dieci anni. Purtroppo nel 1999 scelse di non combattere più e volò in cielo. Papà Ernest decise di dargli un addio indimenticabile e di fare qualcosa di speciale per lui. (continua a leggere dopo l’immagine)

L’anno dopo, nel 2000, costruì una lapide in onore del suo bambino. Voleva che non fosse dimenticato, per questo scelse qualcosa di unico, qualcosa di mai visto prima all’interno del cimitero di Salt Lake City. La base è semplice, come qualunque altra, ma il resto è qualcosa di davvero spettacolare. Sulla tomba di Matthew emerge una scultura che lo rappresenta. E’ raffigurato mentre si alza dalla sedia a rotelle, con le mani verso l’alto, come se stesse raggiungendo il cielo e stesse volando, finalmente, libero dai suoi dolori. Da quel momento, per l’intera città e poi per l’intero mondo, la tomba di questo bambino è diventata un simbolo d’ispirazione e di speranza, ma anche di lotta, di coraggio e di libertà. La scultura è presto diventata famosa e, fino ad oggi, è stata visitata da milioni di persone provenienti da tutto il mondo. (continua a leggere dopo l’immagine)

Ernest e Anneke Robinson, successivamente, hanno deciso di creare un ente benefico per raccogliere i soldi per i bambini sfortunati come il loro angioletto. Persone con condizioni come paralisi cerebrale, cancro, lesioni del midollo spinale e sclerosi multipla. Persone che hanno bisogno di cure costose e di sedie a rotelle. Il modo in cui hanno deciso di affrontare la morte del loro bambino e il modo in cui aiutano il prossimo, fa onore a questi due genitori, che per noi sono dei veri eroi! Una statua davvero bellissima e un significato davvero prezioso. Che possa questa storia lasciare qualcosa di buono in ognuno di voi.

Davide Maran trovato morto, non è ancora finita: il giallo del video e nuove indagini

Migranti, Toninelli a Radio Anch’Io risponde a Salvini: “Ecco cosa gli dico”