in

TsunamiTour a Livorno, Grillo contestato: “alleato dei fascisti”

A Livorno arriva lo tsunami tour di Beppe Grillo e in città si avverte una forte scossa di terremoto. Sembra un gioco, ma è tutto vero. Al di là delle coincidenze, non sono invece casuali gli striscioni che due formazioni facenti capo al centro sociale cittadino hanno affisso in pieno centro. Due lunghi lenzuoli sistemati alle finestre di due piani di un palazzo di via dei Mulini a pochi passi da Piazza XX Settembre, sede del comizio elettorale del comico genovese.

Grillo Sondaggi Movimento 5 Stelle

Inequivocabili le frasi vergate sui drappi bianchi. Vi si legge: “Grillo qualunquista, alleato del fascista”. Il riferimento, urlato, è alle dichiarazioni rilasciate dal leader del Movimento 5 Stelle circa l’apertura verso l’estrema destra. “Se un ragazzo di Casa Pound – disse Grillo – ha i requisiti per entrare nel mostro movimento, per me non c’è nessun problema”. Dichiarazioni inaccettabili nella rossa Livorno, la città che dette i natali al Partito Comunista nel 1921.

Così questo pomeriggio è scattata la contestazione. Oltre agli striscioni, sono stati accesi alcuni fumogeni. Grillo ha subito ribattuto: “Questo movimento non è né di destra né di sinistra. Voi siete vittime delle ideologie, perché sullo Stato e sulle banche siamo pienamente d’accordo. Questo è un paese antifascita e lo sono anche io. Voi vi riparate dentro ai centri sociali”.

Written by Fabrizio Pucci

Fabrizio Pucci nasce nel 1970 a Livorno, città dove risiede. Nel 1984 pubblica il primo articolo, la presentazione della partita di calcio Livorno-Ancona. Dopo il Liceo inizia una serie di collaborazioni con radio e tv che con gli anni lo porteranno fino a Tele+ e Sportmediaset. Attualmente collabora con Il Tirreno di Livorno. Appassionato di Sport, non si perde una partita del 'suo' Livorno per lavoro, ma anche per amore della maglia amaranto. Pessimista di natura, perché è sempre meglio prepararsi al peggio per poi festeggiare il meglio.

Finto telegiornale di YouDem per convincere a non votare Berlusconi

Una donna su tre in Italia senza stipendio adeguato