in

Ultime notizie Sergio Marchionne: come sta, chi ha preso il suo posto in FCA

Come sta Sergio Marchionne? Le ultime notizie oggi non sono diverse da quelle diffuse ieri. L’ormai ex Ad di Fiat Chrysler Automobiles (FCA) resta in gravi condizioni all’ospedale universitario di Zurigo. Marchionne era ricoverato lì dallo scorso 27 giugno per essere operato ad una spalla. Poi l’amara scoperta, il tumore. Il quadro clinico del top manager abruzzese peggiora gradualmente fino all’accelerazione degli ultimi giorni: le condizioni di Marchionne sono gravi, non potrà più tornare al lavoro. La proprietà del gruppo FCA ne prende atto, finisce un’era.

Ultime notizie Sergio Marchionne: come sta, chi ha preso il suo posto in FCA

Sergio Marchionne: chi ha preso il suo posto in FCA

Il ruolo più importante ricoperto da Sergio Marchionne, quello di amministratore delegato di FCA, è stato preso da Mike Manley, già a capo del marchio Jeep che durante la sua “cura” è letteralmente rinato. La decisione è stata presa ieri pomeriggio dal Cda di Fiat Chrysler Automobiles, riunito a Torino in assenza di Marchionne le cui condizioni non lo consentivano. 54 anni, nato a Edenbridge, in Gran Bretagna, Manley si è laureato in ingegneria alla Southbank University di Londra conseguendo poi un Master in Business Administration all’Ashridge Management College. Vanta una lunga carriera nel settore automobilistico: a 22 anni è già responsabile post-vendita della Swan National Motors, una piccola azienda con sede ad Aberdeen, in Scozia. Il primo vero grande passo nel 2000, quando assume la direzione dell’area sviluppo della rete commerciale di Daimler Chrysler nel Regno Unito. Nel 2009 viene scelto come nuovo numero uno del marchio Jeep, incarico che ricopriva fino a ieri, giorno della nomina ad Ad di FCA. Dal 2015 era anche a capo del marchio Ram, specializzato nella produzione di pickup e van. Per la successione a Marchionne FCA aveva sempre parlato di una scelta interna, fatto puntualmente accaduto.

mike manley nuovo Ad FCA

Sergio Marchionne ultime notizie: la successione ampiamente prevista

La successione a Sergio Marchionne, seppur anticipata per la malattia del top manager, era ampiamente prevista. Marchionne avrebbe infatti dovuto lasciare il gruppo il prossimo anno, nel corso dell’assemblea di Amsterdam che approverà i conti del 2018. Marchionne avrebbe però dovuto mantenere la guida della Ferrari. Alla guida della Rossa ieri è stato nominato Louis Camilleri, ex numero uno di Philip Morris e già membro del cda della Rossa mentre John Elkann ha assunto la carica di presidente. per me è stato una persona con cui confrontarsi e di cui fidarsi, un mentore e soprattutto un amico. «Ci ha insegnato a pensare diversamente e ad avere il coraggio di cambiare, spesso anche in modo non convenzionale, agendo sempre con senso di responsabilità per le aziende e per le persone che ci lavorano». Così si è espresso il presidente del gruppo, John Elkann, nella nota con cui è stata ufficializzata la sostituzione del manager italo-canadese con Michael Manley.

Leggi anche —> Mike Manley biografia: chi è l’erede di Marchionne

Written by Andrea Monaci

47 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it Ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto, tra gli altri, per il "Secolo XIX" e "Lavoro e Carriere". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Marche Bandiera Blu 2018: quali sono le spiagge premiate

Claudio Santamaria e Francesca Barra matrimonio: il sì a Policoro e l’attore la ‘conquista’ con una serenata