in

Ultimi sondaggi elettorali, Emg Acqua: astensione resta alta, Centrodestra +10% su M5S e Centrosinistra

Gli ultimi sondaggi elettorali prima dell’entrata in vigore dei 15 giorni di assoluto silenzio previsti dalla Par Condicio. Cosa evidenzia l’analisi realizzata da Emg Acqua per conto di Rai? Quali sono le intenzioni di voto degli italiani che andranno in sede di voto il prossimo 4 marzo 2018? Cosa c’è da sapere? Quali sono i numeri di centro-destra, centro-sinistra e Movimento 5 Stelle? L’astensionismo resta un dato preoccupante?

Leggi anche: Elezioni 2018, tutte le ultime notizie sul mondo della politica

Ultimi sondaggi elettorali, Emg Acqua: “Centrodestra + 10% sui rivali, ma no maggioranza”

Può esultare Silvio Berlusconi insieme a Matteo Salvini e Giorgia Meloni? Se si dovesse tenere conto solo ed esclusivamente dei sondaggi elettorali diremmo di sì: il centro-destra, infatti, dallo scorso dicembre, nelle analisi realizzate dagli istituti statistici risultano sempre in testa. Ma attenzione, i numeri non sono mai utili per poter governare. E anche quanto rivelato da Emg Acqua conferma questa tendenza: centro-destra con la maggioranza sì, ma solo al 37%. Dieci punti di divario rispetto al centro-sinistra e al Movimento 5 Stelle, entrambi fermi al 27%. Tutto si gioca su alcuni numeri: convincere il 31% di astenuti e sfiduciati nei confronti del mondo della politica. E, inoltre, provare a ridurre il numero degli indecisi pari al 12%.

  • CENTRO-DESTRA: 37.4%
    Forza Italia: 16.1%
    Lega: 13.9%
    Fratelli d’Italia: 4.6%
    Noi con l’Italia-Udc: 2.8%
  • CENTRO-SINISTRA: 27.9%
    Partito Democratico: 22.8%
    Più Europa-CD con Bonino: 2.1%
    Insieme (PSI, Verdi, Area Civica): 1,6%
    Civica Popolare con Lorenzin: 1.0%
    Svp: 0.4%
  • MOVIMENTO CINQUE STELLE: 27.3%
  • LIBERI E UGUALI: 5.2%
    ALTRO PARTITO (Potere al Popolo, Casapound, 10voltemeglio, altri): 2.2%
    Scheda bianca/nulla: 2.0%
  • E’ indeciso: 12.6%
  • Astensione: 31.1%

Ultimi sondaggi elettorali, Emg Acqua: cosa dovrà fare LeU dopo il voto?

Ma cosa dovrà fare Liberi e Uguali dopo il voto alle elezioni 2018 del 4 marzo? Secondo quanto emerso da Emg Acqua relativamente alle intenzioni degli elettori di sinistra, Liberi e Uguali dovrà cercare di accordarsi con il Movimento 5 Stelle (25%) o tentare un accordo con il Partito Democratico (21%). Stando alle ultime dichiarazioni di Pietro Grasso rilasciate proprio questa mattina, però, sembra molto improbabile quest’ultima strada ma, anzi, potrebbe esserci una concreta apertura nei confronti del Movimento 5 Stelle.

bimba scomparsa in francia

Omicidio Maelys news: trovati i resti del suo corpo, l’agghiacciante confessione di Nordahl Lelandais

Assunzioni Ferrovie dello Stato febbraio 2018: posizioni aperte per macchinisti, ecco requisiti, scadenza domande e tipologia contratto (FOTO)