in

Ultimi sondaggi elettorali: le percentuali del partiti al 2 maggio 2018

Gli ultimi sondaggi elettorali confermano il trend delle ultime settimane, ulteriormente confermato dalle recentissime elezioni regionali in Friuli Venezia Giulia. La Lega di Matteo Salvini cresce, mentre il Movimento 5 Stelle mostra segnali di debolezza. Prosegue invece la crisi per PD e Forza Italia, ormai sempre meno determinanti nella contesa politica nazionale. Ecco quindi le percentuali dei partiti al 2 maggio 2018, fotografate da un recentissimo sondaggio di Demos per il quotidiano La Repubblica, molto simili a quelle rilevate qualche giorno fa da questo sondaggio di Tecnè per TgCom24.

ultimi sondaggi elettorali percentuali partiti 2 maggio 2018

Percentuali dei partiti al 2 maggio 2018: Lega sempre più in alto

E’ dal 5 marzo 2018, giorno dopo le elezioni politiche, che la Lega cresce nei sondaggi, senza sosta. Il partito di Matteo Salvini continua a cavalcare l’onda lunga delle elezioni politiche 2018 ed è ormai stabilmente il secondo partito in Italia. Secondo l’ultimo sondaggio Demos pubblicato da Repubblica la Lega avrebbe il 21,6%, con un balzo di oltre tre punti e mezzo percentuali rispetto all’analoga rilevazione svolta a metà marzo, subito dopo il voto. Insomma, una crescita notevole e del tutto simile a quella rilevata solo qualche giorno fa da Tecnè che accreditava il partito di Salvini di una percentuale ancor più alta, 21,8%. Salvini conosce questi ed altri sondaggi riservati che lo danno in ulteriore crescita, soprattutto a scapito dei suoi alleati. Per questo ostenta sicurezza riguardo le prospettive politiche del paese, sia che riceva l’incarico di formare un nuovo governo sia che si vada alle elezioni.

pd percentuale sondaggi al 2 maggio 2018

Percentuali dei partiti al 2 maggio 2018: Movimento 5 Stelle in difficoltà

Il Movimento 5 Stelle, nei sondaggi, appare in difficoltà. E la conferma è arrivata anche dal brutto risultato delle elezioni amministrative in Friuli che seppure segnate da un alto astensionismo ha regalato un misero 7% ai pentastellati, lontano anni luce dal 24% raccolto alle politiche del 4 marzo 2018. Il sondaggio Demos fotografa ad oggi 2 maggio un Movimento 5 Stelle al 32,9%, quasi un punto in meno rispetto all’analoga rilevazione svolta un mese fa ma comunque sempre avanti rispetto al risultato delle elezioni politiche 2018 (32,6%). Risultato peggiori di quello visto dai colleghi di Tecnè solo qualche giorno fa (33,5%). Pesano sulle intenzioni di voto per il Movimento 5 Stelle le incertezze sulla formazione del nuovo governo e la tattica dei “due forni”, con l’apertura delle trattative con il PD, invisa a molti militanti ed elettori.

Percentuali dei partiti al 2 maggio 2018: ancora in calo PD e Forza Italia

Prosegue, secondo in sondaggi, anche l’emorragia di voti di PD e Forza Italia. I Democratici, che domani 3 maggio 2018 decideranno se continuare a trattare con il Movimento 5 Stelle per tentare di formare un nuovo governo, sono dati al 17,8%, in calo di oltre mezzo punto rispetto all’ultima rilevazione Demos. Il risultato è inoltre quasi un punto sotto a quello delle politiche 2018, insomma, un disastro. Senza segretario in carica e senza una linea politica condivisa nel gruppo dirigente i Dem rischiano la marginalità. Stesso destino a cui pare condannata Forza Italia, schiacciata dalla Lega anche alle amministrative del Friuli, che non a caso vede nel PD un potenziale sostenitore di un governo di “responsabilità” e moderato, a guida del Centrodestra. Ma il partito di Silvio Berlusconi, con il 12,6% accreditatogli oggi dai sondaggi, potrà condizionare questo scenario? Difficile dirlo.

Tutti i sondaggi elettorali su UrbanPost

Written by Andrea Monaci

47 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it Ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto, tra gli altri, per il "Secolo XIX" e "Lavoro e Carriere". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Concorso Inps 2018 967 funzionari: quali titoli universitari valgono? Ecco tutto quello che c’è da sapere (GUIDA)

Riforma Carceraria 2018 cosa prevede? I rinvii fanno scioperare gli avvocati