in

Ultimi sondaggi elettorali, Piepoli: percentuali dei partiti al 29 giugno 2018

In questi i giorni i sondaggi elettorali restano un tema caldo. Non perché ci siano nuove elezioni politiche in vista, ma perché è in atto una forte competizione tra le forze che sostengono il nuovo governo Conte. Chi è il primo partito oggi? Gli ultimi sondaggi elettorali non sono concordi su questo argomento, con differenze anche sensibili come ci abbiamo detto riferendovi delle rilevazioni svolte da EMG Acqua e SWG. Oggi vi parliamo di un sondaggio recentissimo realizzato dall’Istituto Piepoli e diffuso da SkyTG24 che fotografa le percentuali dei partiti se si votasse oggi, il 29 giugno 2018.

Sondaggio Piepoli: le percentuali dei partiti al 29 giugno

Ecco dunque quali sarebbero, secondo l’Istituto Piepoli, le percentuali dei partiti se si votasse oggi, 29 giugno 2018. La forza politica che detiene la prima piazza, secondo questa rilevazione, è il Movimento 5 Stelle con il 29% delle attuali intenzioni di voto degli italiani. La Lega, pur seconda, lo incalza da vicinissimo con il 28%. Quindi al terzo posto troviamo il Partito Democratico con il 18%, mentre la quarta piazza secondo l’Istituto Piepoli spetta a Forza Italia, con il 12,5%. Il voto alle forze politiche minori sarebbe invece così ripartito: Fratelli d’Italia 3%, Noi con l’Italia 0,5%, +Europa 2%, Liberi e Uguali 2%.

ultimi sondaggi elettorali istituto piepoli

Ultimi sondaggi elettorali: chi ha un trend positivo e chi no

Al di là della prima piazza, cerchiamo di capire (aspetto molto importante) quali sono le tendenze delle diverse forze politiche. Scorrendo i dati appare molto evidente la forte crescita della Lega, una tendenza rilevata da tutti i sondaggi pubblicati negli ultimi due mesi, con risultati finali simili. La media di crescita del consenso per la Lega rispetto alle elezioni politiche del 4 marzo 2018 è attorno al 10%. La Lega è anche l’unica forza politica ad avere un trend costantemente positivo nei sondaggi: tutte le altre registrano cali, più o meno consistenti. E’ così anche per il Movimento 5 Stelle che secondo l’Istituto Piepoli nel caso si votasse oggi pur restando la prima forza politica avrebbe comunque una flessione di 3,6 punti percentuali. Insomma, un risultato negativo per Di Maio e compagni nonostante l’inizio dell’esperienza di governo. La flessione del M5S è la più pesante tra quelle registrate dall’Istituto Piepoli. Certo, in proporzione pesa di più il -1,3% registrato per Liberi e Uguali che si ritroverebbe con il consenso praticamente dimezzato rispetto alle elezioni politiche. Così come pesa l’ennesima flessione del Partito Democratico, un -0,8% che riduce ulteriormente il già pessimo risultato delle politiche 2018.

Tutti i sondaggi elettorali su UrbanPost

Written by Andrea Monaci

47 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it Ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto, tra gli altri, per il "Secolo XIX" e "Lavoro e Carriere". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Elisabetta Canalis seno rifatto: ecco come è cambiata l’ex velina (FOTO)

Andrea Iannone gossip news, così ha aggredito il paparazzo di Chi: “Mi ha minacciato e derubato”