in ,

Come fare un business plan vincente: l’importanza di un’analisi di mercato

Il business plan deve essere realizzato in ogni fase della vita aziendale: avvio, sviluppo e maturità. Questo perché il passaggio ad una nuova fase rappresenta un importante momento della vita aziendale poiché possono variare i ricavi, il numero di dipendenti o le mansioni e i compiti di gestione. Questi passaggi impongono la necessità di aggiornare il business plan, rendendolo in questo modo un documento dinamico. Ma come fare un business plan vincente? Qual è l’importanza di un’analisi di mercato? Tutto quello che c’è da sapere per chi ha intenzione di avviare una sua attività in proprio.

Come fare un business plan vincente: le linee guida

Il business plan, dunque, è un processo di gestione fondamentale in ogni impresa in quanto utile a fornire una guida strategica. Consente di valutare i punti di forza e debolezza, individuare le strategie alternative praticabili, stabilire un benckmark sulla base del quale valutare le decisioni e i risultati aziendali futuri. E ancora, grazie al business plan è possibile fornire informazioni di base per costruire la struttura finanziaria di operazioni di acquisizione, reperire finanziamenti sotto forma di credito o di capitale di rischio, promuovere i rapporti con possibili partner in join venture con i più importanti clienti, fornitori e distributori. Attenzione: è importante non commettere alcuni errori. Per esempio, è buona norma non scrivere mai in un business plan alcune informazioni come slogan oppure parole chiave. Inoltre, è essenziale l’efficacia di un business plan che non deve mai superare le 50 pagine.

L’importanza di un’analisi di mercato

Per un’azienda che esordisce in un mercato l’analisi di mercato è fondamentale, perché consente di capire primariamente se investire in un mercato è conveniente, se introdurre un nuovo prodotto con quelle caratteristiche è consigliabile, o è necessario modificarlo. Rappresenta, inoltre la base per le successive decisioni strategiche che verranno prese nel piano di marketing. Come fare un’analisi di mercato? Nello specifico, bisogna fare attente valutazioni per quanto concerne:

  • Analisi per caratteristiche socio demografiche: si parte dal presupposto che le variabili socio demografiche, quali età, sesso, titolo di studio, residenza, reddito, classi professionali, sono in grado di determinare un’abitudine di acquisto. In genere si utilizzano a l incrociate. Questa è un’analisi cosiddetta “a priori” e da un descrizione abbastanza superficiale di ciò che cerchiamo, è necessario per questo che venga integrata con altri sistemi di analisi più approfonditi.
  • Analisi delle caratteristiche socio-culturali e degli stili di vita: vengono rapportati i consumi con le caratteristiche culturali, le motivazioni e le abitudini d’acquisto e la personalità degli individui, in parole semplici si tratta di valutare lo stile di vita.Pensioni anticipate con sconti per le donne e mansioni gravose

Perché scegliere una Junior Enterprise

Le Junior Enterprise sono considerate un ottimo terreno di pratica per gli studenti volenterosi di sviluppare determinate abilità e caratteristiche personali come il project management, la gestione di una vera e propria impresa con dei lavoratori (anche se non profit), il public speaking, il lavoro in squadra, oltre a creatività e imprenditorialità. Possono essere considerate delle “palestre di impresa” che aiutano a stimolare l’imprenditorialità dei propri associati. Le imprese che chiedono servizi alle junior enterprise, dal canto loro, possono ottenere servizi a prezzi molto competitivi principalmente a causa della mancanza di costi variabili legati agli stipendi: i consulenti junior, infatti, operano con lo status di associati e per questo non vengono retribuiti, prestando la loro attività in modo volontario.

Jeme: la Junior Enterprise di casa Bocconi

JEME è la Junior Enterprise dell’Università Bocconi: un’associazione di studenti che da 25 anni svolge attività di consulenza. La mission di JEME è la formazione degli associati, che avviene sia tramite il lavoro sui progetti sia tramite training specifiche volte a fornire ai membri del team un insieme di soft skills e competenze tecniche. Perché scegliere questa giovane Junior Enterprise a discapito di aziende maggiormente affermate nel settore? Anzitutto perché Jeme si impegna a fornire un approccio personalizzato alle richieste dei suoi clienti per rispondere al meglio alle esigenze. Viene offerta flessibilità e versatilità, oltre che apertura alla collaborazione durante le fasi del progetto stesso. Jeme consente di ottenere consulenze a basso costo rispetto ai competitors con un rapporto qualità/prezzo altissimo. La Junior Enterprise di casa Bocconi, nonostante sia composta da studenti, consente di creare output di elevata qualità a un prezzo inferiore rispetto ai competitors. Tra i punti di forza si riscontra anche l’approccio tailor-made alle esigenze di ogni singolo cliente, ognuno è seguito da un team customizzato. Senza dimenticare che Jeme è riconosciuta ufficialmente dall’Università Bocconi, eccellenza in Italia del settore finanziario.

Quali sono i servizi offerti da Jeme?

La Junior Enterprise della Bocconi, Jeme, offre servizi importanti per PMI/startup per cui svolgono principalmente business plan, marketing plan, analisi di fattibilità e progetti di ristrutturazione aziendale. Inoltre, Jeme si rivolge a Grandi multinazionali, distinguendo altre importanti società di consulenza che esternalizzano parte di loro progetti, e big corporation in altri settori per cui Jeme ha svolto, ad esempio, analisi di market entry e analisi di mercato per il lancio di nuovi prodotti.

Elezioni 2018, Salvini prossimo Presidente del Consiglio? Non per Berlusconi: “4 punti dietro”

Tomorrowland a Monza 2018: data, prezzo biglietti e informazioni utili, tutte le curiosità