in

Vacanze 2013, ecco dove andare: in Salento la vacanza perfetta

Un’indagine effettuata alla vigilia dell’apertura della Borsa italiana del turismo di Milano, ha messo in evidenza le preferenze degli italiani in ordine alle mete turistiche privilegiate. Il Salento si posiziona ai vertici del gradimento.

La penisola salentina, intervallata da costiere e spiagge, ideali per gli amanti del surf, del kite surf e del windserf, ospita località turistiche accoglienti, come Santa Cesarea Terme, Torre dell’Orso, Alimini e i suoi laghi, la magnifica Otranto e Castro, con le sue rinomate grotte.

Porto Cesareo, Pescoluse e Gallipoli le mete più ambite dai giovani, con quest’ultima, sede dell’Acquapark e di un antico frantoio oleario. La parte più a sud del Salento ha, invece, come sua anima la cittadina di Santa Maria di Leuca, dove è possibile visitare il faro e godere dello spettacolo della città tra il Mar Ionio e il Mar Adriatico.

punta della suina

Numerose sono le strutture turistiche per famiglie, con hotel e residence, ideali per serene  vacanze in pieno relax. Per le giovani comitive che hanno voglia di divertirsi non c’è altro che l’imbarazzo della scelta. Lo spettacolo salentino riesce a soddisfare sia le coppie più romantiche, grazie ai tramonti mozzafiato, sia gli animi più trasgressivi, con una  vita notturna delle più dinamiche, con spiagge e discoteche aperte fino all’alba.

Il Salento, tuttavia, non è solo natura incontaminata e mare stupendo, ma anche luogo di grande ricchezza culturale. Greci, romani, bizantini, turchi, normanni, arabi e spagnoli si sono alternati nel corso dei secoli, lasciando traccia del loro passaggio, sia nell’architettura, che nella cucina locale. L’atmosfera più caratteristica si vive ad Alberobello, con i famosi “trulli”. Tra le più belle costruzioni normanne va segnalata la cattedrale di Otranto, famosa per il suo “rosone”, mentre l’influenza spagnola è molto evidente nella vivace  e barocca Lecce.

cartina salento mappa

Pesce, frutti di mare, ottime verdure, sono solo alcune delle specialità delle numerose osterie, che fanno delle orecchiette, pasta grezza lavorata a mano, il loro punto di forza.  Da provare il pane croccante cotto a legna, condito con olive nere e le verdure insaporite con l’ottimo olio locale.  Tra i dolci la specialità è la pasta di mandorla del salento. Famose, infine, sono le grandi e dolci ciliegie “ferrovia”, utilizzate per i celebri cioccolatini Mon-chèri.

Nonostante il difficile momento economico, il Salento rappresenta una tentazione da vivere ad ogni costo, sia per chi già conosce le sue bellezze ed il divertimento estivo, sia per chi è in cerca di nuove emozioni.

Written by Ennio Lo Chiatto

Nato ad Avellino il 9 aprile del 1981, background giuridico e grande interesse per la geopolitica e la politica internazionale. Appassionato di nuoto e arti marziali, con l'hobby del pianoforte, quando possibile scappa dal rumore della città per cercare il contatto con la natura selvaggia. L'esperienza gli ha insegnato che nella vita si vince e si perde ma l'importante è dare sempre il massimo. Per Urban Post scrive soprattutto di attualità internazionale.

CalcioMercato Inter: Arriva Diamanti dal Bologna?

“SuperMario” canzone su Balotelli del rapper Vacca: Video