di Michele Iacovone in , ,

Vaccini e autismo: le bufale dell’On. Pepe a Piazza Pulita, tra Corea del Nord e bugiardini inesistenti


 

L’ipotetico legame tra vaccini e autismo torna a far discutere, nonostante non sia mai stato verificato: questa volta ci ha pensato il senatore di GAL Bartolomeo Pepe a Piazza Pulita

vaccini e autismo, bartolomeo pepe a piazza pulita contro le vaccinazioni

La correlazione tra vaccini e autismo è un argomento di cui si continua a discutere, nonostante non vi siano evidenze scientifiche di causa effetto. A dichiararlo, infatti, ci aveva già pensato l’Organizzazione Mondiale della Sanità ormai 12 anni fa. In Italia la situazione non è delle migliori, l’ultimo intervento antivaccinista in ordine di tempo è quello dell’ex 5 stelle, ora senatore di GAL, Bartolomeo Pepe, a Piazza Pulita.

Secondo Bartolomeo Pepe, la correlazione tra vaccini e autismo esiste ed è scritta anche sul bugiardino dei farmaci: “Sul bugiardino dei vaccini c’è scritto, viene riportato che l’abuso può causare l’autismo“, ma questa informazione è falsa, non esistono bugiardini che parlano di autismo come effetto collaterale dei vaccini. Inoltre, in Corea del Nord la situazione sarebbe migliore rispetto all’Italia, perché “In Italia vi è un bambino autistico per ogni classe, 1 ogni 50, mentre i dati in Nord Corea sono più bassi perché c’è maggiore controllo. Nel 2025 i casi di autismo saranno 1 ogni 2 bambini”. Parole, quelle del senatore, che cozzano con i dati e le ultime ricerche svolte dalla comunità scientifica.

L’onorevole Pepe ha puntato il dito anche contro l’informazione, sostenendo che di vaccini non se ne possa parlare: “Parlare di vaccini oggi non si può, perché c’è una mafia“. Tra gli studi che sfatano queste credenze, vi è la ricerca svolta da un team americano della Penn State University: tramite i dati, i ricercatori hanno dimostrato che l’aumento dei casi d’autismo va di pari passo con la diminuzione di tutte le altre forme di disturbi cognitivi. Sono stati i nuovi criteri di diagnosi e le aumentate conoscenze sui disturbi dello spettro autistico ad aver aumentato il numero di casi e non i vaccini.

Già nel 2002 è stato pubblicato un report da parte del Global Advisory Committee on Vaccine Safety dell’Oms, nel quale sono stati valutati tutti gli studi svolti sul caso e che hanno portato gli scienziati a escludere il legame. Inoltre, anche il Ministero della Salute, il Cdc americano e la metanalisi svolta nel 2014 su un campione di 1,2 milioni di bambini autistici e pubblicata sulla rivista Vaccine, sono d’accordo nell’affermare, dati alla mano, che non esiste alcuna evidenza scientifica in grado di mettere in correlazione vaccini e autismo.

Alla luce di tutte queste ricerche, studi e prove inequivocabili e che rispettano i dettami del metodo scientifico, com’è possibile dare importanza a dati provenienti dalla Corea del Nord, una nazione sotto regime dittatoriale? Come si può sostenere un rapporto di causa effetto mai scientificamente dimostrato? Per molte persone sono solo delle barzellette, ma per altre possono trasformarsi in un vero e proprio danno fisico, anche mortale.

Il Senatore di GAL Bartolomeo Pepe dice di aver vaccinato i propri figli, ma…#Piazzapulita #VacciniFilmaker: 🎥 Mario Vasta 🎥 Edit: Igor Ceselli

Pubblicato da Antonino Monteleone su Giovedì 20 aprile 2017

Sì ringrazia per la consulenza il dottor Lorenzo Bertizzolo

* Il contenuto riportato è di carattere orientativo a fini informativi: non sostituisce diagnosi e trattamenti medici. Non deve essere utilizzato per prendere decisioni in merito ad assunzione o sospensione di terapie farmacologiche e non può sostituire il parere di un professionista afferente a qualsiasi disciplina medico scientifica autorizzata.

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook