di Redazione in

Valentina Bissoli: la giovane modella e quel profumo di anni ’60 [INTERVISTA]


 

Intervista a Valentina Bissoli, la giovane modella veronese che con la sua bellezza anni ’60 sta emergendo anche nel competitivo contesto internazionale

valentina bissoli intervista urbanpost

Di modelle emergenti abbiamo parlato diverse volte su UrbanPost, non fosse altro che per comprendere meglio un fenomeno che in Italia è diventato piuttosto rilevante, soprattutto con il boom di Instagram e delle “Instamodels”. Oggi vi presentiamo Valentina Bissoli che però, è bene dirlo, non appartiene esattamente a quest’ultima categoria, avendo iniziato la “gavetta” da modella ben prima dell’esplosione di Instagram e il moltiplicarsi delle “modelle fai-da-te”.

Valentina Bissoli, in realtà, è una modella considerata tra le più promettenti a livello internazionale della sua generazione, per via del suo fascino tipico delle bellezze italiani degli anni ’60 perfettamente mixato alle modelle fitness e formose degli anni ’80’ e ’90, tanto che IoDonna l’ha inclusa nella gallery intitolata “La carica delle modelle di domani”, definendola “la Bellucci di domani”. Ha già lavorato per brand importanti (Pierre Cardin Sposa, Relish, Replay).

Cresciuta in un piccolo paese della provincia di Verona in una bellissima famiglia dove la moda e lo spettacolo non erano presenti, da bambina sognava di diventare una ballerina famosa, ma la sua altezza e il fisico imponente non glielo hanno permesso. Con questo fisico ha realizzare un altro sogno: diventare modella. Giovanissima si è trasferita a Milano.

Ha sempre sognato in grande, Valentina è una grande sognatrice, dalle poche parole che abbiamo scambiato si intuisce subito che è una persona molto determinata, una personalità forte. Il suo carattere l’ha aiutata molto nella sua carriera di modella, dice. Spesso questo lavoro è fatto di alti e bassi ma lei non si è mai scoraggiata. Oltre al già citato articolo di IoDonna, le sue foto sono state pubblicate su Panorama , Formen, GQItalia, 708magazine, Prestige International Paris, LineaIntima, Andivero ed ha sfilato per brand famosi in tutto il mondo. Ama lo sport, si prende cura del suo corpo e legge i libri di Paulo Coelho.

 

Ciao Valentina, presentati in breve

“Innanzitutto ti ringrazio Andrea per questa intervista, sono Valentina Bíssoli una modella italiana che si è contraddistinta per la propria mediterraneità in un mondo ( quello della moda) dove la maggior parte delle ragazze sono evanescenti e androgine. Ma sappiamo che in questo ambiente conta di più essere diverse e uniche nel proprio genere piuttosto che omologarsi alle stesse caratteristiche delle modelle da passerella tradizionali. Ho iniziato la mia carriera a Milano, firmando il mio primo contratto importante con un’agenzia nel 2012, poi sono arrivate Parigi, Miami e magazine inglesi che mi hanno dedicato editoriali e articoli. Attualmente continuo a lavorare in Italia perché sto avendo delle proposte anche importanti ma il mio obiettivo principale è tornare in America.”

Quando hai iniziato a lavorare come modella?

“Ho iniziato nel 2012 con un’agenzia molto importante di Milano, ed uno dei miei primi servizi fotografici è stato con un maestro della fotografia, Stefano Babic che ha visto in me del potenziale fin da subito.”

Hai fatto già numerosi servizi fotografici anche per brand conosciuti. Come è cresciuto il tuo lavoro in questo campo?

“Inizialmente è stato un percorso fortunatissimo, ho lavorato per diversi brand come Herno, Incotex, Kemon, Pierre Cardin Sposa, Chantelle, Relish, Replay ed ho capito che era la mia strada anche se esistono momenti più difficili, ma fa parte del gioco! Se ti scartano ad un casting andrà meglio a quello dopo! All’inizio è difficile da accettare, io pensavo di non essere abbastanza bella, abbastanza magra (le mie forme non tutti le apprezzano) o non giusta. E invece è una questione di come ti vedono gli stilisti, i fotografi o gli Art Director, non dipende mai da te al 100%. L’importante è non scoraggiarsi mai ed andare sempre avanti…”

Cosa ne pensi dei Social Network? Quanto li usi per lavoro?

“Abbastanza, penso che nei social ci sia una parte del futuro del mercato dell’immagine.”

C’è qualcuno che cura la tua immagine o sei anche tu una delle sempre più numerose “self made models” che puntano su una gestione personale e diretta del rapporto con il proprio pubblico?

“Sisi, assolutamente! Il mio profilo è gestito da me personalmente, non metterei mai in mano la mia immagine e parte della mia vIta a qualcun altro! Accetto consigli da web -master ma niente di più.”

Che rapporto hai con i tuoi fan?

“Abbastanza buono! La maggior parte sono uomini ovviamente! Ma ci sono anche delle ragazze che mi seguono! Per fortuna ad ora non ho haters!”

Hai fatto parecchi scatti glamour. Che rapporto hai con il tuo corpo?

“Ho un buon rapporto con il mio corpo, comunque mi piaccio ed è fondamentale per una modella, perché se non piaci a te stessa; come fai a piacere agli altri che devono offrirti un lavoro o puntare su di te? Impossibile. Inoltre faccio molta attività fisica e sono attenta all’alimentazione.”

Cosa ti piace di più del tuo lavoro?

“I viaggi e i servizi fotografici in spiaggia! Adoro scattare in esterna a contatto con la natura. A Miami ci sono delle spiagge fantastiche con una luce che non trovi ovunque.”

Se dovessi pensare ad una cosa che non rifaresti?

“Andare via dall’America, potevo rimanere più a lungo e forse avrei trovato una bella occasione lavorativa perché li le modelle sono più simili a me e alla mia fisicità!”

Ti piacerebbe fare altro rispetto al lavoro di modella? Quali sono i tuoi progetti futuri?

“No, mi piace molto il mio lavoro e non lo cambierei, anche se non è facile rimanere sempre sul pezzo perché devi sempre essere impeccabile anche per un semplice casting! Come progetti futuri sicuramente mi piacerebbe lavorare sempre in questo ambiente oppure come scenografa!”

Valentina Bissoli su Instagram

© Tutti i diritti riservati. Vietata ogni forma di riproduzione

Metti mi piace a UrbanDonna

Leggi anche

Commenta via Facebook