in

Vincent Bollorè fermato per corruzione: ha pagato tangenti in Africa?

Accuse pesantissime nei confronti di Vincent Bollorè. Il finanziere francese è in stato di fermo per la corruzione di funzionari pubblici stranieri in una vicenda legata a concessioni portuali in Togo e Guinea. Lo riporta ‘Le Monde’ nella sua versione online. L’imprenditore francese è stato posto in custodia cautelare e interrogato a Nanterre nell’ambito di un’inchiesta su tangenti pagate dal suo gruppo in Africa nel 2010, in relazione a delle concessioni portuali in Togo e Guinea. Sempre secondo il quotidiano, sono stati arrestati anche il direttore generale del gruppo Bolloré, Gilles Alix, e Jean-Philippe Dorent, a capo della divisione internazionale dell’agenzia di comunicazione Havas, sempre di proprietà del finanziere bretone.

Leggi anche: Tutte le news con UrbanPost

Vincent Bollorè fermato per corruzione: le accuse

La vicenda che ha portato al fermo di Vincent Bollorè riguarda le concessioni di ottenimento della gestione dei terminal di navi container. I giudici si chiedono se il gruppo Bolloré non abbia usato Havas, la sua filiale pubblicitaria, per ottenere nel 2010 la gestione dei porti di Conakry, in Guinea e Lomé, in Togo. L’ipotesi è che Havas abbia fornito consulenze e consigli per sostenere l’arrivo al potere di alcuni dirigenti africani in cambio delle concessioni sui porti. Già nel 2016, la sede del gruppo Bolloré Africa Logistics era stata oggetto di una perquisizione nell’ambito dell’inchiesta aperta nel luglio 2012.

Il gruppo Bollorè: “Completa trasparenza”

Il gruppo Bolloré, intanto, “smentisce formalmente” di aver commesso “irregolarità” in Africa attraverso la sua filiale africana SDV Afrique: è quanto si legge in un comunicato diffuso dal gruppo a Parigi. Le prestazioni oggetto dell’inchiesta della giustizia francese sono state “realizzate in completa trasparenza” e l’odierna audizione di Vincent Bolloré “permetterà di chiarire in modo utile alla giustizia queste questioni già oggetto di una expertise indipendente che ha concluso la perfetta regolarità delle operazioni”.

Chi è Vincent Bollorè e le sue controversie giudiziarie

Vicnent Bollorè è presidente del Consiglio di Amministrazione della holding Havas, sesto gruppo mondiale nel settore delle telecomunicazioni. Con un patrimonio di cinque miliardi di dollari, nel 2017, la rivista Forbes lo classifica al 248º posto nella lista degli uomini più ricchi del mondo. E 11º in Francia. Dirige il gruppo di famiglia Bolloré ed è Presidente del Consiglio di Sorveglianza nella società francese Vivendi. Bolloré è stato al centro di numerose polemiche per le sue numerose attività economiche nella cosiddetta Françafrique che generano ingenti profitti (trasporti pubblici, logistica, trasporti marittimi, agricoltura). Secondo alcune inchieste giornalistiche, Bolloré avrebbe avuto grandi privilegi da parte dei governi degli Stati africani grazie alle pressioni politiche e diplomatiche, a volte anche sfociate in interventi militari veri e propri, esercitate dal Governo francese presieduto da Nicolas Sarkozy.

gentiloni resta in carica fino autunno 2018?

Governo news, Lannutti (M5S): «Accordo col PD? Governo uscente maggiordomo delle banche»

SARONNO UCCISO AL PARCO LURA

Saronno uomo ucciso a coltellate nel Parco Lura: era un perseguitato, movente delitto insospettabile